Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

​‘Ndrangheta viterbese, anche Ismail Rebeshi chiede l’abbreviato

Operazione Erostrato
di Maria Letizia Riganelli
1 Minuto di Lettura
Martedì 14 Gennaio 2020, 11:40

‘Ndrangheta viterbese, anche Ismail Rebeshi chiede l’abbreviato. Stamattina durante l’udienza preliminare al Tribunale di Roma le difese hanno chiesto alla gup Emanuela Attura di procedere con il rito abbreviato, che consente lo sconto di un terzo della pena. Solo il boss Giuseppe Trovato, al momento ricoverato in ospedale, formalmente non lo ha ancora chiesto. Per lui è stata fissata un’udienza apposita al 24 gennaio.

Dei 13 indagati per associazione a delinquere di stampo mafioso uno, Gazmir Gurguri, è stato stralciato per problema di notifiche ; altri 3, Martina Guadagno, Luigi Forieri e Sokol Dervishi, hanno già chiesto il rito abbreviato alla scorsa udienza del 21 dicembre. Stamattina lo hanno chiesto Ismail Rebeshi, Fouzia Oufir, Gabriele Laezza, i fratelli Patozi. Una scelta condizionata dalla “bomba” lanciata dal pentito Sokol Dervishi che in diversi interrogatori ha fatto dichiarazioni pesanti che inchioderebbero tutti gli indagati alle proprie responsabilità. Per tutti l’udienza per il rito abbreviato è fissata al 10 febbraio. Certi di andare incontro a un rito ordinario solamente i due imprenditori viterbesi Emanuele Erasmi e Manuel Pecci e Pavel Ionel. Gli unici a non avere all’attivo un’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA