Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tanta musica nel fine settimana: Patty Pravo che apre a Montalto il tour “Minaccia bionda”

Patty Pravo
di Carlo Maria Ponzi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 6 Maggio 2022, 06:30 - Ultimo aggiornamento: 21:11

Nel fine settimana tanta musica con i riflettori accesi sul Teatro “Lea Padovani” di Montalto di Castro grazie alla “data zero” (sabato 7 maggio, ore 21) del tour di Patty Pravo dal titolo “Minaccia bionda”.

«Uno spettacolo imperdibile – dicono gli organizzatori – con la grande interprete della canzone, in piena libertà, si racconta fra musica e parole. Successi, ricordi ed aneddoti, contributi video, alcuni dei quali inediti con la sapiente voce narrante di Pino Strabioli. Dalla mitica notte romana del “Piper” (anni Sessanta dell’altro secolo) continua ad accompagnare il pubblico tra successi e sparizioni, provocazioni e intense interpretazioni». In programma brani che hanno fatto la storia della musica italiana, influenzato generazioni, sconvolto le regole.

Sempre sabato, tutt’altra musica all’auditorium di Santa Maria in Gradi per la stagione concertistica dell’Università della Tuscia. Alle 17, si esibiscono «due solisti di valore – il giudizio è del direttore artistico della rassegna Franco Carlo Ricci – che rispondono al nome della violinista Liliana Bernardi e del percussionista e compositore Massimo Carrano. Il programma, certamente inconsueto, è intitolato “Il Violino scordato….e non solo» . Il programma, che spazia tra culture e Paesi molto diversi, prevede brani di Vilsmayr, di Nicola Matteis, Antonio Bertali, Arcangelo Corelli, Niccolò Paganini, Grażyna Bacewicz, John Corigliano, Béla Bartók. Il concerto può essere seguito gratuitamente, in diretta streaming o in differita, al link  http://tiny.cc/XVII_stag_concertistica

“Insieme per l’Ucraina” è invece il titolo del concerto (sabato, ore 21) nell’Abbazia Cistercense di San Martino al Cimino. E’ stato organizzato dalla parrocchia di San Martino Vescovo, in collaborazione con “Le voci del borgo” e la Compagnia Teatrale Sammartinese. Voci recitanti: Gianni Ambrosini, Mario Cutigni, Enrica De Angelis, Francesca Filippi, Giampaolo Moncelsi; Solisti: Andrea Capitoni, Francesca Filippi, Alessandro Ricucci; Viviana Di Carli, violino; Giuseppe Garberoli, pianoforte; Camerata Polifonica Viterbese “Zeno Scipioni”, diretta da Fabrizio Scipioni. Il ricavato verrà devoluto in aiuto della popolazione ucraina.

Domenica, a Tuscania, al Teatro “Rivellino-Veriano Luchetti” (ore 17,30) l’opera sulla Shoah “Il campo dei sogni rubati” di Sergio Urbani, a cura della Compagnia Theatr•Es che presenta quest’ultima e unica replica sul territorio della Tuscia dopo il debutto nazionale nel novembre 2021, con “Il campo dei sogni rubati”, spettacolo teatrale scritto e diretto sempre da Sergio Urbani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA