Fontana di Trevi vista dall'alto: apre la terrazza di Palazzo Poli

video
EMBED
Dall'alto, dal suo punto più elevato e segreto, la Fontana di Trevi svela tutta la sua maestosa complessità. «Vertigine non è paura di cadere ma voglia di volare», canta Jovanotti. E a quaranta metri d'altezza si può volare sul capolavoro. Da quella vetta, con gli occhi all'ingiù, si misurano le dimensioni ciclopiche delle statue, i virtuosismi delle decorazioni visti da vicino, i volti sconosciuti delle figure scolpite nel travertino. E l'acqua, il suo scroscio fiero, echeggia fin sulla terrazza. Eccolo, allora, il monumento icona di Roma, assediato da migliaia di turisti ogni giorno (col rituale propiziatorio del lancio della monetina) che riesce a sorprendere, svelando il suo lato inedito. Continua a leggere l'articolo

Servizio di Laura Larcan - Video di Francesco Toiati

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani