"J'accuse" di Polanski, la clip\1

EMBED
Polanski torna sul caso Dreyfus, il capitano di origine ebraica incarnato da Louis Garrel accusato nel 1894 di aver passato informazioni militari ai tedeschi e condannato all'ergastolo sull'isola del Diavolo: prove inesistenti e artefatte, antisemitismo montante, sull'affaire prese posizione, con il celeberrimo "J'accuse", una lettera pubblica al presidente della Repubblica, lo scrittore Èmile Zola, ma sulla scorta del romanzo di Robert Harris "L'ufficiale e la spia" il regista segue la storia dalla prospettiva di George Piquart (Jean Dujardin), che da neo-capo del controspionaggio indaga sul flusso di informazioni ai tedeschi che non si è arrestato dopo l'arresto di Dreyfus.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani