Coronavirus, Crisanti: «Focolai più frequenti in autunno»

EMBED
«Non si può pretendere che sessanta milioni di italiani costantemente, ogni giorno, si adeguino a misure virtuose. Può capire che qualcuno si sbagli, che qualcuno sottovaluti o qualcuno interpreti male messaggi non coerenti e chiari come ci sono stati in questi giorni. Non si possono mettere in coercizione sessanta milioni di italiani. Bisogna accettare il fatto che in questa situazione i focolai scoppieranno e saranno anche più frequenti in ottobre e novembre. La cosa più importante è dare messaggi chiari agli italiani senza dire bugie Bisogna dire che il rischio c’è, che non siamo in una bolla e che i comportamenti di distanziamento sociale e l’uso delle mascherine non devono essere abbandonati». Lo ha detto a Sky TG24 Andrea Crisanti, ordinario di microbiologia all'Università di Padova.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani