Matteo, il bimbo immunodepresso torna a scuola. La madre: «Il mio esempio sia di aiuto»

EMBED
Matteo immunodepresso torna a scuola, la mamma Sara: " spero che il mio esempio può essere di aiuto a tutte le mamme di bambini immunodepressi " (video Daniele Leone/Ag.Toiati)

È tornato oggi tra i banchi di scuola il bambino romano di 7 anni immunodepresso che, pur avendo sconfitto la leucemia, era costretto a stare a casa per via di alcuni suoi compagni di classe non in regola con le vaccinazioni. Al momento nella sua classe tutti i compagni risultano in regola e nell'istituto c'è solo un alunno che deve perfezionare l'iter. «Il rientro andato bene, come da protocollo concordato con i medici Asl il bimbo è entrato un pò dopo per evitare la calca all'ingresso. Gli hanno dedicato un bagnetto tutto per lui. Lui userà la mascherina e farà orario ridotto, ma la buona notizia è che si è reinserito. I compagni di classe gli hanno anche fatto trovare un palloncino di 'bentornatò», racconta il legale della famiglia del bimbo Gianpiero Scardone. Dopo che scoppiò il caso del minore 'costrettò a casa intervennero sia la Regione Lazio, sia - di conseguenza - la Asl competente. «La copertura vaccinale della scuola al momento risulta pressoché totale: una sola bambina nell'istituto non ha ancora concluso l'iter per questioni cliniche. E un'altra ex compagna di classe, non in regola, ha cambiato scuola», riferisce ancora l'avvocato.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti