Coronavirus, italiani bloccati a New York: «L'aereo non parte, le hostess hanno paura del contagio»

EMBED
«Visto il livello di coronavirus a Milano, gli assistenti di volo stanno valutando se salire su questo volo oppure no», dice al microfono un responsabile dell'American Airlines ai passeggeri del volo AA198 bloccato all'aeroporto JFK di New York. La compagnia Usa ha sospeso fino al 24 aprile tutti i voli da e per Milano e nelle maglie di questa decisione è rimasto impigliato un gruppo di italiani, fatti scendere dall'aereo quando già alcuni di loro si erano accomodati in poltrona. A nulla sono valse le rimostranze dei passeggeri. Il volo AA198 era in programma alle 18.05, destinazione Milano Malpensa. Ad imbarco aperto, il personale di bordo ha fatto sapere che considerava rischioso compiere quel viaggio, trovando immediato appiglio nelle decisioni prese una manciata di minuti prima dalle autorità americane. 

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani