Tragedia sul Gran Sasso, tre morti

EMBED
(LaPresse) Sono tre le persone che, tra ieri e oggi, hanno perso la vita sul Gran Sasso, in Abruzzo. Questa mattina due alpinisti, che facevano parte di una cordata formata da tre arrampicatori, sono morti dopo essere caduti e scivolati a valle mentre tentavano di salire sulla vetta del Gran Sasso. In corso le operazioni di recupero da parte dei tecnici del Soccorso Alpino con l'ausilio di un elicottero del 118. Ieri, invece, una donna di 49 anni è morta mentre cercava di salire in vetta al Corno Grande. La scalatrice, di Roseto degli Abruzzi, è stata travolta da una slavina. Nel pomeriggio i familiari, non avendo più risposte dal telefonino della donna, hanno lanciato l'allarme. Immediatamente sono scattati i soccorsi che hanno visto impegnati una squadra di vigili del fuoco con l'Unità di Comando Locale, tecnici del CNSAS e i Carabinieri di Pietracamela. Nella tarda serata è arrivato sul luogo delle ricerche un elicottero della Marina Militare partito da Pratica di Mare, abilitato al volo notturno, che ha tentato di lasciare alcuni tecnici del soccorso alpino nei pressi del ghiacciaio il Calderone, ma ha dovuto rinunciare alla missione a causa delle proibitive condizioni in quota. Il corpo della donna è stato individuato e recuperato questa mattina nella Valle dei Ginepri, a poca distanza dalla Sella dei Due Corni.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani