Coronavirus, a Monfalcone i tamponi dei 300 bengalesi arrivati a giugno

EMBED
Dalle 8 di venerdì e sabato dalle 7.30 personale sanitario dell'Azienda Sanitaria Universitaria Giuliano Isontina eseguirà a Monfalcone, negli spazi dell'oratorio San Michele, tamponi nasofaringei per rilevare l'eventuale presenza del Covid 19 su cittadini extracomunitari giunti in città dopo il primo giugno. Si tratta di «un'azione monitoraggio e prevenzione» svolta in collaborazione con il Comune di Monfalcone. Le persone risultate negative al tampone, spiega l'Azienda, saranno invitate a sottoporsi ai test sierologici. «La sorveglianza sanitaria ormai consolidata ai tempi covid - si legge in una nota - ha lo scopo di tutelare la salute pubblica e per tale motivo risulta fondamentale la collaborazione dei cittadini. L'organizzazione permetterà di eseguire circa 30 tamponi l'ora». Oltre all'esecuzione del tampone e alla misurazione della temperatura, spiega Asugi, verrà chiesto di compilare un questionario. Sarà presente personale sanitario del Dipartimento di Prevenzione che potrà rispondere a dubbi o altre domande specifiche.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani