L'insegnante: «Non solo la musica
è una grande opportunità formativa,
ma così non grava sulle famiglie»

Giovedì 23 Gennaio 2020 di Michele Bellucci
PERUGIA - Si chiuderanno il 31 gennaio le iscrizioni per il prossimo anno scolastico all’I.C.Perugia 1 di Elce, l’unica scuola a indirizzo musicale nella città di Perugia. Una peculiarità formativa che sempre più genitori stanno dimostrando di apprezzare, soprattutto perché non implica costi aggiuntivi: «È molto importante che i ragazzi nell’età dello sviluppo, non solo fisico ma psicologico e intellettuale - spiega Cecilia Berioli, violoncellista nonché una dei quattro insegnanti in forza alla scuola - abbiano questo tipo di educazione. La musica è una disciplina che sviluppa una capacità rara, quella di superare se stessi con un obiettivo che concerne la bellezza. Un tempo in Italia avevamo un vero primato in campo musicale, mentre ora altre culture ci stanno puntando moltissimo e sono più avanti di noi. E pensare che siamo nati nella patria della musica! Da insegnante mi rendo conto che per i ragazzi studiare musica è una cosa il cui valore emergerà anche negli anni futuri, una consapevolezza di sé, orizzonti differenti, nuove prospettive e soprattutto capacità di dialogare insieme, condividendo un unico tempo pur rispettando le capacità e le voci di ciascuno. Del resto la musica è un linguaggio di condivisione, che però mantiene la singolarità di ogni soggetto. È un qualcosa di urgente attualità».

Una scuola che punta quindi sull’istruzione musicale gratuita con personale qualificato, che oltre a rappresentare una grande opportunità educativa è di fatto un possibile preludio al Conservatorio di musica. Eppure l’Istituto Comprensivo 1, guidato dalla dirigente Roberta Bertellini, è l’unico in città (con poche altre realtà in periferia, ndr) a poter vantare l’offerta dell’Indirizzo Musicale, concesso alla Scuola Secondaria di Primo Grado di Elce già dal 2010. Sono quattro le classi attivate: chitarra, flauto, pianoforte e violoncello. I corsi, che non sono facoltativi, consentono agli studenti di approfondire lo strumento per i tre anni di scuola e sostenere la prova di musica nell’ambito dell’Esame di Licenza Media. Questo permette loro di conseguire una certificazione ufficiale oltre, naturalmente, alla stimolante attività concertistica offerta durante il percorso. Di non secondaria importanza anche i laboratori di Arte, Grafica e Pittura attivati in seno al Comprensivo 1, che seguono la stessa filosofia di fondo. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma