Rapporto Statistico dell'Osservatorio Provinciale:
nel primo semestre 2019 economia sotto il segno più
ma resta il dramma occupazione

Giovedì 20 Febbraio 2020 di Beatrice Martelli

TERNI    Segnali positivi negli indicatori economici che riguardano il primo semestre del 2019.  Lo sostiene il Rapporto Statistico dell’Osservatorio provinciale economico istituito in Prefettura, una documentazione, aggiornata al 30 giugno 2019, che riguarda l’andamento dell’economia del territorio. Parliamo di statistiche sulla vitalità delle imprese, il commercio con l’estero, le dinamiche occupazionali e creditizie, ammortizzatori sociali e turismo e non solo, frutto di una collaborazione interistituzionale. 

In generale, nel primo semestre 2019 quasi tutti gli aspetti analizzati sono stati caratterizzati dal segno più: positivo il numero di imprese attive nella provincia di Terni, che rappresenta una crescita in controtendenza rispetto alla regione e al Paese (il +1% a fronte rispettivamente del -0,4% umbro e -0,2% nazionale); positivo è anche l’andamento delle importazioni e delle esportazioni, queste ultime soprattutto nel settore dei prodotti chimici e  delle materie plastiche, cavalli di battaglia dell’industria provinciale. E l’occupazione? La percentuale di persone tra i 15 e i 64 anni con un’occupazione è superiore a quella nazionale (61,2% contro il 58,8%) ma inferiore a quella umbra, che tocca il 63,9%, mentre il tasso di disoccupazione è all’11,8%, dato che supera il corrispondente umbro (9,5) e nazionale (10,4). In particolare, gli occupati nel primo semestre 2019  sono 87mila, in aumento del 2% rispetto al primo semestre 2018, come sono in aumento però anche le persone in cerca di occupazione, cresciute in un anno del 26,6%. 

«Il ricorso alla cassa integrazione guadagni registra una diminuzione delle ore autorizzate ordinarie, mentre sono in aumento gli interventi autorizzativi di tipo straordinario; le ore autorizzate, comunque, aumentano in modo meno accentuato rispetto all’andamento regionale e nazionale» riporta il Rapporto Statistico. Per quanto riguarda il turismo, arrivi e presenze sono cresciuti rispetto al 2018 del 4,6% e dell’8,6%, soprattutto a Amelia e Orvieto; a portare i numeri in crescita sono soprattutto gli italiani, mentre si assiste a una lieve diminuzione degli arrivi dei turisti stranieri (-0,6%). In riferimento al credito, infine, il Rapporto spiega come in sostanza «diminuisce l’ammontare dei finanziamenti a favore delle imprese ma migliora la qualità del credito; il numero dei protesti si riduce sia come consistenza sia come valore».

© RIPRODUZIONE RISERVATA