Perugia, nocciolina di traverso: gravissimo bimbo di due anni. Operato d'urgenza, poi ricoverato al Meyer di Firenze

Perugia, nocciolina di traverso: gravissimo bimbo di due anni. Operato d'urgenza, poi ricoverato al Meyer di Firenze
2 Minuti di Lettura
Domenica 23 Aprile 2017, 07:05 - Ultimo aggiornamento: 12:28


PERUGIA - È ricoverato in gravissime condizioni un bambino di due anni che sabato nel tardo pomeriggio ha rischiato di rimanere soffocato dopo aver inghiottito una nocciolina. Il fatto è avvenuto nella zona di San Sisto durante la festa di compleanno dello stesso piccolo. Subito i familiari e i presenti hanno chiamato i soccorsi. C’è chi ha cercato di aiutare il bambino, c’è chi ha provato anche di rianimarlo in attesa dell’arrivo dell’ambulanza. Decisivo l’intervento della dottoressa del 118 che ha praticato tutte le manovre rianimatorie stabilizzando la situazione prima di trasferire il bambino di due anni al pronto soccorso. 

Il corpo estraneo si sarebbe fermato alla biforcazione tracheale. Al Pronto soccorso sono entrati in azione sul piccolo una equipe di rianimatori e radiologi. Il bimbo è stato sottoposto, dopo essere stato sedato, a una Tac. I medici del Santa Maria della Misericordia avrebbero valutato, in un primo momento, anche la possibilità di una trasferimento in elicottero all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, ma poi in serata hanno deciso di non muoverlo dal Santa Maria della Misericordia intervenendo in modo da cercare di rimuovere la nocciolina andata per traverso durante la festa di compleanno. L’incidente ha lasciato in stato di choc i familiari del piccolo.

In una nota dell'ufficio stampa dell'azienda ospedaliera di Perugia si rende noto che  nella tarda serata di sabato, con il coordinamento della direttrice della struttura di Pediatria professoressa Susanna Esposito, tenuto conto della gravità delle lesioni al polmone, è stato deciso di allestire con urgenza una equipe chirurgica di emergenza, per estrarre dai polmoni i corpi estranei. L'intervento è stato eseguiro dal professor Francesco Puma, direttore della struttura complessa di Chirurgia toracica, con il contributo degli anestesisti, le dottoresse Simonetta Tesoro e Ada Vecchiarelli ed in collaborazione con il dottor Edoardo Farinelli. Successivamente il bambino è stato trasferito nel reparto di Rianimazione, ma nella mattinata didomenica i sanitari hanno provveduto al trasferimento del piccolo paziente  all'ospedale  pediatrico "Meyer" di Firenze, come era già accaduto nelle scorse settimane per un caso analogo. È stato precisato dai sanitari che la decisione del l'intervento chirurgico, tramite fibroscopio si è reso improcrastinabile  per la gravità della situazione e per l'impossibilità del trasferimento a Firenze, via elicottero, nel cuore della notte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA