Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Non un passo indietro!» Terni e Perugia unite contro l'omofobia

«Non un passo indietro!» Terni e Perugia unite contro l'omofobia
di Aurora Provantini
3 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Ottobre 2020, 14:42 - Ultimo aggiornamento: 16:33

Non un passo indietro! A sostegno della legge contro l’omofobia, le associazioni Lgbt scendono in piazza a Terni e a Perugia, sabato 17 ottobre.
Il filo comune della mobilitazione, aperta a tutte le realtà sociali ed ai singoli cittadini, sarà la promozione della libertà educativa e di pensiero in materia di sessualità, filiazione, adozioni, procreazione assistita, genitorialità e identità sessuata e percezione dell’appartenenza al genere. «Dal momento che è prevista per il 20 ottobre la ripresa della discussione alla Camera dei Deputati del disegno di legge contro l’omotransfobia e la misoginia (Legge Zan), con la maggioranza di Governo intenzionata ad arrivare al voto finale entro la stessa settimana, tutta la comunità Lgbt, ha indetto una giornata di mobilitazione in tutta Italia».

Il 17 alle ore 17 in Piazza della Repubblica e Terni e in Piazza IV Novembre a Perugia si manifesterà a sostegno del disegno di legge Zan.  «Scendiamo ancora una volta in piazza – ribadiscono -  per chiedere a gran voce non una legge qualsiasi, ma una buona legge che contrasti le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, non un passo indietro! ». Insieme alle associazioni promotrici del Coordinamento Umbria Pride (Agedo Terni, Amelia Pride, Esedomani Terni, Famiglie Arcobaleno e Omphalos Lgbti),  in collaborazione con 6000 Sardine Umbria, scenderanno in piazza oltre 50 organizzazioni e realtà del territorio regionale. Hanno aderito all'iniziativa: Arci regionale, provinciale e Arci ragazzi, Articolo 1 Umbria, Fuori dal Mondo, Bottegart, Demetra, Il Progetto, Terni Valley, Il Pettirosso, Cgil, Anpi, Cpo (Commissione pari opportunità del Comune di Narni), Comitato Democrazia Costituzionale Terni, Consigliera di pari opportunità della provincia di Terni, Csa Cimarelli, Europa Verde, Foligno 2030, Foligno in Comune, Giovani Comunisti Perugia, Giovani Democratici Perugia, Democratiche Terni, Europa Verde, Terni Donne, Segretariato Italiano Studenti in Medicina Perugia, Senso civico, Rete umbra per l’autodeterminazione, Altrascuola – Rete degli Studenti Medi Umbria, Pd, Psi, Potere al popolo, Rifondazione comunista, Sinistra Italiana, Link Studenti Indipendenti Perugia, Libera..mente Donna, Movimento 5 Stelle Umbria, e molti altri movimenti e associazioni  aderiranno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA