Movida malata, dopo le risse di Perugia e Umbertide il questore firma 11 daspo

Movida malata, dopo le risse di Perugia e Umbertide il questore firma 11 daspo
2 Minuti di Lettura
Lunedì 14 Giugno 2021, 14:23 - Ultimo aggiornamento: 14:24

PERUGIA- Identificati e daspati i partecipanti alla rissa del 11 giugno. Il Questore della provincia di Perugia, Antonio Sbordone ha recentemente adottato 7 provvedimenti di divieto di accesso ai pubblici esercizi o ai locali di pubblico trattenimento, nonché lo stazionamento nelle immediate vicinanze degli stessi. Le misure sono state emesse a seguito di due distinti episodi, uno verificatosi lo scorso venerdì 11 giugno e relativo ad una rissa tra giovani Perugini e Eugubini. I giovani dopo aver trascorso la serata nel centro storico di Perugia, si sono affrontati e scontrati in Piazza della Repubblica, dopo una discussione animata iniziata in Piazza IV Novembre e senza un motivo apparente. Il pronto intervento delle pattuglie, interrompeva lo scontro e consentiva di identificare 6 giovani, mentre altri si davano alla fuga. I giovani sono stati tutti denunciati per il reato di rissa aggravata e lesioni. Inoltre il Questore della provincia di Perugia ha adottato i seguenti provvedimenti: -nei confronti di 2 Eugubini ventenni e di un ragazzo di Marsciano di anni 19, incensurati, il foglio di via dal Comune di Perugia con il divieto di ritorno. Per due Eugubini, di anni 21 e 20, entrambi incensurati e un perugino di anni 20 veniva disposto il provvedimento di cui all’art 13 bis del D.l. n.14/2017 di divieto di accesso ai pubblici esercizi o ai locali di pubblico trattenimento, nonché nelle immediate vicinanze degli stessi per un anno. Gli accertamenti finalizzati all’identificazione delle altre persone coinvolte nell’episodio dell’11 giugno continua attraverso l’analisi delle immagini estrapolate dagli impianti di videosorveglianza presenti nella zona. Altri 4 provvedimenti di divieto di accesso ai pubblici esercizi o ai locali di pubblico trattenimento, nonché nelle immediate vicinanze degli stessi sono stati emessi nei confronti di 4 soggetti (uno straniero e tre italiani) a seguito di una rissa avvenuta ad Umbertide il 31 dicembre 2020, fuori da un locale. Attesi i precedenti giudiziari, per due dei co-rissanti il divieto è stato esteso a tutti i locali della provincia di Perugia. I provvedimenti di divieto di accesso e avvicinamento ai locali sono misure di prevenzione di competenza dell’Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza rientrante nelle categorie di “divieto di accesso ad aree urbane (denominati DACUR), la cui disciplina è stata modificata nel 2020 all’indomani dei tragici fatti che portarono alla morte del ventiduenneWilly Monteiro Duarte. La violazione del provvedimento è punita con la reclusione da sei mesi a due anni e la multa da € 8mila a 20mila euro. L’emissione di questo tipo di provvedimenti, dichiara il Questore, rientra in una più ampia strategia, concertata con l’Amministrazione Comunale e altri attori istituzionali, al fine di assicurare la gestione della “movida”, contrastando abusi e degenerazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA