Foligno, Valle Umbra Trekking lancia “EcologiAmo” per dichiarare guerra ai rifiuti abbandonati

Foligno, Valle Umbra Trekking lancia “EcologiAmo” per dichiarare guerra ai rifiuti abbandonati
di GiovannI Camirri
3 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Giugno 2021, 15:56 - Ultimo aggiornamento: 4 Giugno, 06:45

FOLIGNO - Bisogna essere davvero motivati per impegnare la mattina di un giorno di festa, quella del 2 Giugno, per andare a raccogliere i rifiuti che una lunga sequela di incivili abbandona dove capita. Ma la lotta ai “furbetti del sacchettino” segna un altro passo in avani in una guerra senza quartiere finalizzata a innalzare il livello di senso civico attraverso l’impegno e a contrastare al massimo che invece viola le regole. È il senso che ha riassunto “EcologiAmo”, l’appuntamento promosso da Valle Umbra Trekking, in collaborazione con Arpa Umbria col sostegno di Valle Umbra Servizi e Anas e che ieri, con lo l’invito, divenuto un motto, “Il 2 Giugno anche noi ci prendiamo cura della nostra Repubblica. Occhi puntati sulla Natura2 ha dato vita ad una mattinata ecologica. L’appello è stato raccolto da numerose persone, tutte volontarie ed espressione di diverse realtà ma accomunate da un progetto comune, che armate di mascherina, guanti e sacchi, hanno bonificato dai rifiuti un lungo tratto di fossato che si affaccia sulla complanare al di sotto della Ss 75 nel tratto che interessa anche via Clareno, margine del quartiere Prato Smeraldo da un versante e limite dal confine con Spello dall’altro. E chi è stato protagonista dell’impresa di ieri era davvero motivato come dimostrato dal bilancio finale di ore di lavoro. E’ stata infatti raccolta una montagna di rifiuti tale da riempire 52 grossi sacchi neri. A comporre il campionario di “monnezza” c’era di tutto: bottiglia in plastica, vari materiali sempre in plastica, contenitori per bibite, lattine e via dicendo senza dimenticare altri materiali compresi pneumatici, porzioni di mobilio, materiale ferroso e via dicendo. Gli organizzatori della manifestazione per ringraziare i volontari che hanno aderito alla mattinata ecologica hanno regalato loro una medaglia di partecipazione realizzata in materiale sostenibile poi, con una attribuzione ad estrazione, sono stati anche donati presenti che non sono un premio ma un riconoscimento per quanto fatto in favore della collettività. Tra i tanti partecipanti c’era anche Gabriele Finamondi ricevuto nelle scorse settimane dal sindaco Stefano Zuccarini che ne ha voluto sottolineare l’impegno scrivendo che: “Nei giorni scorsi ho ricevuto Gabriele Finamondi, un cittadino amante della natura e del nostro territorio, che, in piena autonomia e dimostrando un grandissimo senso civico e sensibilità ambientale, sta portando avanti con assoluta umiltà ed esemplare dedizione, un'accurata e costante opera di raccolta rifiuti, che gente incivile continua ad abbandonare selvaggiamente ed illegalmente, inquinando e deturpando aree verdi e boschive di rara bellezza”. E sulla giornata davvero speciale vissuta ieri Finamondi ha scritto in un posto su Facebook: “Quando ci credi i risultati arrivano”. L’iniziativa di ieri ha riscosso, come dimostrato dalla pagine sociale di Valle Umbra Trekking che ieri ha visto partecipare anche il suo presidente Carlo valentini, grande apprezzamento. E lo ha avuto anche fuori dai social, perché ieri mentre i volontari stavano operando, gruppi di ciclisti in transito e alcuni automobilisti hanno espresso il loro plauso alla manifestazione e all’impegno profuso per la città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA