Foligno, la pandemia da Covid 19 blocca anche la fiera di San Feliciano

Foligno, la pandemia da Covid 19 blocca anche la fiera di San Feliciano
di Giovanni Camirri
2 Minuti di Lettura

FOLIGNO - Non si svolgerà la fiera di San Feliciano, tradizionalmente in programma, il 25 e il 26 gennaio, per la situazione sanitaria. Lo ha sottolineato, in una nota, l’assessore al commercio, Michela Giuliani. “Purtroppo, a causa dell'aggravarsi della situazione pandemica, il Dpcm  del 14 gennaio non consente lo svolgimento della tradizionale fiera di San Feliciano prevista come da consuetudine nei giorni 25 e 26 gennaio in occasione delle festività  legate al nostro Santo Patrono – afferma l’assessore. Rivolgo comunque il mio ringraziamento agli uffici con i quali avevamo comunque avviato e programmato una serie di attività  propedeutiche che ci avrebbero permesso di organizzare la fiera in tempi ristrettissimi nel caso in cui ci fosse stato il via libera a tali attività  garantendo agli operatori la massima efficienza e permettendo loro di svolgere il proprio lavoro. Colgo l’occasione per ricordare infatti che già  dal mese di settembre, in occasione della fiera di Santo Manno, perseguendo gli obiettivi del distanziamento, l'ufficio commercio in sinergia con le aree tecniche hanno provveduto alla ridefinizione di una nuova planimetria nonché la sua messa online al fine di agevolare gli operatori nella scelta del posteggio, alla realizzazione di nuovi stalli e alla predisposizione di apposita cartellonistica per informare la clientela sui corretti comportamenti da tenere all'interno dell'area della fiera proprio al fine di garantire il corretto svolgimento della stessa e nel rispetto delle normative vigenti in materia di prevenzione dei contagi da Covid-19, attività  che ci avrebbero permesso anche in questo caso di svolgere la fiera in completa sicurezza sia per gli operatori che per gli avventori. Purtroppo l'evolversi della pandemia impone uno stop anche al tradizionale appuntamento con la fiera di San Feliciano dove ogni anno giungono oltre 200 operatori. Come assessore al commercio esprimo tutta la mia vicinanza alle attività  commerciali sia in sede fissa che ambulante che stanno soffrendo di questo prolungato periodo di inattività  forzata con la speranza che presto possano tutti tornare a svolgere la loro normale attività  lavorativa. Nei prossimi giorni ho fissato un incontro online con le associazioni dei commercianti per continuare a lavorare fianco a fianco ed affrontare insieme questo ulteriore difficile momento nel miglior modo possibile”.

Domenica 17 Gennaio 2021, 13:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA