Vaccini, 16.200 dosi nel fine settimana. Bene la somministrazione serale

Vaccini, 16.200 dosi nel fine settimana. Bene la somministrazione serale
di Fabio Nucci
3 Minuti di Lettura
Martedì 18 Gennaio 2022, 08:26

PERUGIA Numeri confortanti da vari fronti arrivano dalla campagna vaccinale che nel fine settimana si è chiusa con oltre 16.200 dosi iniettate, 13.400 delle quali aggiuntive o booster. Hanno contribuito a mantenere elevato il ritmo della profilassi, le somministrazioni notturne andate aventi in quattro hub regionali dal 22 dicembre al 9 gennaio, ma aumentano anche gli spazi riservati ai giovanissimi.
Grazie alle somministrazioni del fine settimana, sono ora 410mila le dosi addizionali iniettate nella regione, col 59% degli immunizzati con ciclo primario che ha ricevuto anche tale ulteriore copertura. Prosegue anche la vaccinazione primaria con 2.100 prime dosi iniettate nel week end, due su cinque in fascia pediatrica nella quale quasi il 10% dei bimbi tra 5-11 anni ha ricevuto almeno una dose. Nell’ultima settimana quasi in 1.500 tra gli over 50 hanno inoltre cambiato idea sulla profilassi, con uno scatto del 136%.
Ha contribuito a mettere insieme tali numeri anche l’attività di vaccinazione in orario notturno che per la Regione «ha dato risultati importanti». Frutto della collaborazione con il Comitato regionale Umbria della Croce Rossa Italiana, dal 22 dicembre al 9 gennaio ha impegnato il personale medico del Corpo militare volontario, il Corpo delle infermiere volontarie, i volontari dei comitati locali, gli operatori e il personale amministrativo dei distretti sanitari. Per 13 sere, dalle 21 alle 24, nei punti vaccinali di Terni, Solomeo (Corciano), Trestina (Città di Castello) e Spello sono state somministrate 4.303 dosi. «Il progetto ha avuto un’adesione significativa, frutto di un lavoro di squadra integrato e fortemente partecipato che ha permesso di ampliare e supportare la strategia vaccinale della nostra regione», ha sottolineato la governatrice Donatella Tesei che ha ringraziato gli operatori Cri e in generale tutti coloro che a vario titolo sono stati e sono in prima linea nella campagna vaccinazioni. «La loro professionalità ha permesso alla nostra regione di raggiungere risultati costantemente sopra la media nazionale». A sostegno del progetto, la Cri Umbria con 344 volontari, 117 infermiere volontarie, 39 unità tra medici e personale sanitario del Corpo militare, 8 medici civili volontari Cri e 2 infermieri professionali volontari Cri. «Hanno mostrato l’efficienza e la professionalità che la Cri Umbria mette in campo al servizio delle istituzioni e della collettività», ha commentato il presidente Paolo Scura.
Ha riscosso consenso e adesione a Foligno la giornata vaccinale libera organizzata domenica a “Villa La Quiete” per i ragazzi tra i 12 e i 17 anni. Una postazione attivata grazie alla organizzazione messa in campo da varie istituzioni impegnate nel progetto: direzione sanitaria della struttura residenziale, Comune, Esercito e direzione del distretto di Foligno dell'Azienda Usl Umbria 2, coordinata dal dottor Paolo Tozzi. Per velocizzare le procedure, da domenica prossima, 23 gennaio, e per tutte le domeniche successive, l'attività sarà svolta su prenotazione. Le relative agende sono state aperte già ieri e garantiranno 100 somministrazioni ogni domenica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA