CORONAVIRUS

Coronavirus, Tesei a Conte: per noi ripercussioni come il post sisma 2016

Martedì 25 Febbraio 2020
PERUGIA - Pur non essendo interessata direttamente dall'epidemia di coronavirus, «anche l' Umbria rischia di subire pesanti ripercussioni, paragonabili a quelle che si sono verificate nel post sisma 2016». Lo ha sottolineato la presidente della Regione Donatella Tesei al termine dell'incontro in video conferenza con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, i ministri, il commissario straordinario Angelo Borrelli e gli altri governatori. «Per questo è necessario un intervento rapido e determinato del Governo» ha aggiunto. «Accanto alle imprescindibili rassicurazioni e misure sanitarie - ha annunciato Tesei -, ho anche chiesto al primo ministro Conte provvedimenti urgenti per le imprese umbre e misure economiche di carattere speciale per il turismo che nella nostra regione, proprio in questo periodo, vede il varo della programmazione annuale. Un settore cruciale per l' Umbria che rischia di essere compromesso dall'immagine internazionale che si sta costruendo intorno al nostro Paese».
«La delicata fase che stiamo attraversando - ha sottolineato ancora la presidente Tesei - si sta trasformando in una vera e propria emergenza con ripercussioni negative che non riguardano solo le zone colpite direttamente dal virus, ma tutta l'Italia». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani