CORONAVIRUS

Amelia, il Forum Donne scrive all'Amministrazione. «Donne, anziani e bambini sono stati dimenticati»

Tuesday 5 May 2020 di Francesca Tomassini
Il logo dell'Associazione Forum Donne Amelia

AMELIA -Nel primo giorno della fase 2, il Forum Donne Amelia scrive una lettera all'Amministrazione Comunale per segnalare carenze e disservizi rilevati durante la fase 1 e proporre soluzioni per il prossimo futuro. 
"Da 12 anni ci occupiamo di violenza di genere -ha scritto il Forum nel documento inviato alla sindaca Laura Pernazza e all'intero Consiglio Comunale  -  delle problematiche legate alle discriminazioni ed alle disparità di genere e non; promuoviamo eventi culturali per combattere gli stereotipi riguardanti il maschile ed il femminile, che si formano ben presto, già nelle fasi evolutive.
Ci occupiamo di molto altro, ma qui vorremmo sottolineare alcuni aspetti che in questo periodo ci sono sembrati carenti e sui quali, di seguito, andiamo a proporre alcune possibili iniziative che ci piacerebbe l'Amministrazione intraprendesse:
 
Per le misure di contrasto alla violenza di genere, che pure è noto è aumentata nella costrizione domestica, non è stato pubblicizzato in nessun modo il numero di telefono nazionale cui le donne possono rivolgersi, né il prosieguo del funzionamento del Centro Antiviolenza “Donne Insieme” di Narni e Amelia, che nel frattempo ha continuato ad operare, gestito appunto da operatrici formate del Forum Donne Amelia. Auspichiamo che l'Amministrazione, presa consapevolezza del disservizio informativo, possa da oggi in poi colmare questa lacuna e informare la cittadinanza di un servizio così rilevante per le donne.
 
I bambini e le bambine sono stati dimenticati in questo lockdown, sono i grandi assenti nelle politiche nazionali.  Nel nostro Comune la chiusura della biblioteca non ha consentito la possibilità di usufruire di libri, ma come è avvenuto in altri Comuni, si potrebbe pensare alla possibilità di consegna a domicilio, su necessità, visto che già numerosi e lodevoli volontari svolgono questo servizio: consegna alimentare e di libri, cibo per la mente, anche per gli adulti. Non si può dare per scontato che tutti e tutte abbiano lo stesso accesso ai sistemi informatici, le case non sono tutte belle e spaziose, per certi bambini/e il lockdown è stato ed è un inferno. Per questo, oltre al prestito a distanza dei libri con consegne a domicilio, potrebbe essere utile indire un concorso di storie o di racconti, di disegni, di video, un modo per  prendersi cura dei bambini e delle bambine, per renderli visibili e partecipi. Stiamo parlando di piccole iniziative ma di grande valore sociale che l'Amministrazione potrebbe promuovere.

Sul disagio sociale, un punto di ascolto telefonico, come fatto da altre amministrazioni, sarebbe un grande aiuto, magari funzionante in alcuni giorni, per raccogliere oltre alle difficoltà pratiche, anche gli stati d’animo, un modo per rimarcare il senso di comunità che non lascia indietro nessuno. Molti anziani soli potrebbero beneficiare di tale servizio se venisse attivato, perché spesso una parola amica può risolvere il senso di isolamento che pure attanaglia la vita in queste condizioni.
 
Per la specificità che ci caratterizza come Forum Donne Amelia, di attenzione e contrasto alle discriminazioni di genere in tutti gli ambiti della vita, chiediamo l'istituzione di un osservatorio ad hoc, con gli strumenti che si riterranno utili e necessari, al fine di  monitorare costantemente gli effetti della pandemia sul carico di lavoro di cura (dei propri congiunti e dei figli) sulle donne del nostro territorio e sulla plausibile perdita di lavoro che potrebbe interessarle, per la mancata possibilità di conciliazione dei tempi famiglia-lavoro, intervenendo con misure idonee a non rendere questa emergenza un'ulteriore causa di disuguaglianze tra i generi.
 
Segnaliamo che alcune ordinanze non sono state mai pubblicate sul sito del Comune, unico mezzo istituzionale per informare correttamente la popolazione. Abbiamo sentito la mancanza di dirette facebook con la popolazione per spiegare i vari decreti, per commemorare il 25 aprile, la giornata mondiale per la Terra,  per assistere ai Consigli Comunali, spiegare le varie ordinanze, rendere partecipe la comunità, confrontarsi. I consiglieri di maggioranza ed anche quelli di opposizione potrebbero svolgere parte di queste incombenze, da remoto, perché i mezzi non difettano, azioni che in altri Comuni sono state fatte seppure l’emergenza Covid19 ha colpito tutte le amministrazioni territoriali. Siamo convinte che il ruolo delle istituzioni sia fondamentale sempre e ancora di più in questa situazione straordinaria. Una funzione non scontata di presenza, che possa costruire un senso di appartenenza comunitaria e di responsabilizzazione dei propri cittadini e cittadine, senza il quale non sarà possibile alcuna evoluzione positiva di questa nuova fase. Assistiamo costantemente sulle piattaforme social a confronti piuttosto accesi tra le persone di questa comunità, spesso gli uni contro gli altri. Uno dei pericoli che potrebbero derivare dai sentimenti di paura che tutte e tutti stiamo vivendo in questi mesi, è la disgregazione del tessuto sociale e la perdita di coesione dei nostri territori. Tutto questo è un'emergenza dentro l'emergenza che va presa in carico dall'Amministrazione Comunale.
 
Questa Amministrazione ha puntato molto sulla solidarietà dei cittadine e delle cittadine in termini economici, sulle associazioni di volontariato, per la sanificazione delle strade di Amelia e frazioni a cui hanno contribuito generosamente anche i vigili del fuoco: chiediamo allo stesso tempo all'Amministrazione Comunale di rendere trasparente il modo in cui ha sostenuto con spese di bilancio proprie l'emergenza in atto.
 
Auspichiamo che la gestione della cosiddetta fase due, nei limiti imposti dal DPCM, possa trovare in questa Amministrazione congrue modalità di condivisione con la comunità e possibili risposte alle istanze e ai bisogni evidenziati e rimaniamo a disposizione per renderci utili per quanto nelle nostre possibilità.
 
Cordiali saluti,
Associazione di Promozione Sociale e Culturale Forum Donne Amelia
Presidentessa Rosa Garofalo"

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani