CORONAVIRUS

Amelia, donati all'ospedale 2000 mascherine e 90 tute protettive

Mercoledì 29 Aprile 2020 di Francesca Tomassini
Amelia, il momento della consegna dei DPI

AMELIA -90 tute protettive e 2000 mascherine chirurgiche. Si tratta della donazione che ieri il Salvadanaio della Salute, associazione nata per promuovere e sostenere i servizi alla salute della persona sul territorio amerino,  ha consegnato all'ospedale di Amelia. Qualche settimana fa il Salvadanaio aveva lanciato una raccolta fondi proprio per acquistare i dispositivi necessari al personale sanitario. Nel giro di qualche giorno grazie all'appoggio di  associazioni, privati, imprenditori era riuscita a raccogliere i fondi necessari ad un cospicuo acquisto.   «Finalmente -hanno comunicato dall'associazione- è arrivata una prima parte dei materiali ordinati». Ieri mattina, alla presenza del direttore sanitario dottor Sergio Guido,  i dispositivi sono stati consegnati e distribuiti presso il Presidio Ospedaliero di Amelia, il Distretto di Amelia e alle Postazioni 118. «Purtroppo -precisano- il materiale per cui avevamo attivato la raccolta fondi  fondi qualche settimana fa (1000 mascherine Ffp2), ancora non è arrivato ma è previsto per la prossima settimana. Inoltre, insieme alle mascherine, dovrebbero arrivare anche i 4 Termoscanner. Una volta consegnato anche il secondo ordine faremo il punto della situazione, vedremo quanti soldi sono stati spesi e quanti ne sono rimasti dalla raccolta. Eventualmente procederemo con ulteriori ordini in base alle necessità e alle priorità dei vari servizi sopracitati. Approfittiamo di questa occasione per ringraziare nuovamente tutte le associazioni e i privati cittadini che hanno partecipato alla raccolta fondi e quanti altri lo stanno ancora facendo, ancora una volta un grande segnale di solidarietà da parte di tutto il territorio amerino». 

Ultimo aggiornamento: 1 Maggio, 20:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani