Stasera in tv, mercoledì 22 settembre su Canale 5 «Fortunata»: curiosità e trama del film con Jasmine Trinca

Stasera in tv, mercoledì 22 settembre su Canale 5 «Fortunata»: curiosità e trama del film con Jasmine Trinca
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 22 Settembre 2021, 17:36 - Ultimo aggiornamento: 23 Settembre, 14:26

Stasera in tv, mercoledì 22 settembre, andrà in onda su Canale 5 alle 23:41 il film «Fortunata» del 2017. Sesto lungometraggio diretto dal regista e attore italiano Sergio Castellitto. Tra i protagonisti Alessandro Borghi, Jasmine Trinnca e Stefano Accorsi.

Uomini e Donne, Gemma lascia il programma? Parteciperà a un reality: ecco quale

La trama

Nella periferia romana, Fortunata, interpretata da Jasmine Trinca, ha un matrimonio fallito alle spalle e un presente piuttosto faticoso da madre single. Sua figlia ha solo otto anni e lei cerca di crescerla nel miglior modo possibile, mentre per sbarcare il lunario fa la parrucchiera a domicilio. Ogni giorno attraversa la città per entrare nelle case delle benestanti signore a cui taglia e colora i capelli.

Tutto questo per coltivare il sogno di aprire un negozio tutto suo, sfidando un destino che sembra già scritto, nel tentativo di emanciparsi e conquistare la propria piccola fetta di felicità. Fortunata sa che per poter centrare i propri obiettivi bisogna lottare ed essere determinati e lei si mostra pronta a tutto, ma non ha considerato la variabile dell'amore, l'unica forza sovvertitrice capace di far perdere ogni certezza.

Curiosità

Il film è stato presentato nella sezione Un Certain Regard al Festival di Cannes 2017 il 20 maggio 2017. Nella stessa data è stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane. Nel 2018 ha vinto il David di Donatello nella categoria Migliore attrice protagonista per l'interpretazione di Jasmine Trinca e candidato nelle categorie Miglior attore non protagonista per l'interpretazione di Alessandro Borghi, Miglior trucco Miglior acconciatura.

Honolulu, Francesco Mandelli torna in tv: «Si prendono tutti troppo sul serio, ma fallire è "punk"»

© RIPRODUZIONE RISERVATA