BARBARA D'URSO

Domenica Live, l'appello di Eva Henger (in lacrime) alla figlia: «Mercedesz, facciamo pace»

Domenica 20 Ottobre 2019 di Valeria Arnaldi
Domenica Live, l'appello di Eva Henger (in lacrime) alla figlia: «Mercedesz, facciamo pace»

«Non ho mai detto che ha pestato a sangue Mercedesz, altrimenti sarei andata io di corsa da lui. Io ho detto che lui aveva dato uno schiaffo a Mercedesz e aveva rotto il telefono. È venuto a casa per chiedere scusa a tutta la famiglia per quello che aveva fatto e ha detto che non sarebbe più successo». Eva Henger a Domenica Live racconta le ragioni delle accuse che ha mosso contro Lucas Peracchi, compagno della figlia Mercedesz, che a suo dire sarebbe stato violento con la ragazza. Lucas e la stessa Mercedesz Henger, però, hanno respinto più volte quelle accuse, definendole false.


Poi Eva Henger parla in studio, insieme al figlio Riccardino. «Quando Memi ha un ragazzo esiste solo lui, fa tutto quello che dice lui, ha sempre ragione lui», dice Riccardino. Mercedesz, nella scorsa puntata, sentendo la testimonianza del fratello a sostegno della madre, lo ha definito plagiato, accusa che Riccardino smentisce.

Barbara D’Urso riprende poi le varie dichiarazioni su Eva Henger fatte da Lucas Peracchi in studio, nella passata puntata, per chiedere a Eva di commentarle. Tra queste, pure, quella secondo cui la Henger avrebbe tenuto chiuso un cane in uno sgabuzzino solo perché brutto. La conduttrice fa sentire il parere del veterinario dell’animale, che lo ha visto appena ripreso da Mercedesz e Lucas, e conferma lo stato di disagio del cane, giunto da lui sottopeso e impaurito.

«Briciola non era il mio cane - dice Eva Henger - ma il cane di Memi, cinque anni fa lei ha detto che non poteva tenerlo perché lavorava troppo e lo ha lasciato da me. Dopo poco ha preso un altro cane, che è durato tre mesi, poi lo ha dato al suo ex fidanzato, e passato un po’ di tempo ha preso un altro cane».

Secondo Eva Henger, il cane stava bene quando Mercedesz lo ha voluto riprendere ma deve aver sentito la mancanza della figlia piccola, con cui giocava tutti i giorni, e deve aver smesso di mangiare.
«Io ho fatto la cortesia di tenere un cane cinque anni a una persona che intanto prendeva altri cani e li dava via quando non le piacevano più. Inventano tutto, mi hanno addirittura chiamato ‘torturatrice di animali’, la prossima volta diranno che sono un’assassina. Se maltrattavo il suo cane, perché non è venuta subito a riprenderlo e lo ha lasciato da me cinque anni?».

Si torna poi a parlare delle presunte violenze.
«Mercedesz mi chiamava agitata - racconta Eva - e mi raccontava quelle cose, poi già il giorno dopo mi richiamava e lo giustificava, diceva che forse era colpa sua. Noi non siamo corsi a casa da loro, perché dopo quell’episodio è venuto lui da noi, ha chiesto scusa e noi, stupidi, gli abbiamo creduto».

Lucas aveva invitato Eva a chiarire con lui. In un video però Barbara D’Urso mostra Eva che più volte tenta di telefonargli e dice che lui e attacca il telefono in faccia.
«Io non ho mai litigato con Lucas - afferma Eva Henger - Mercedesz diceva addirittura che volevo più bene a lui».
In un video-messaggio, la nonna di Mercedesz invita figlia e nipote a fare pace, poi scoppia in lacrime. Eva Henger si commuove in studio e piange, senza commentare quanto ha visto.
«Io sono dispostissima a parlare con loro - ribadisce Eva - evidentemente le cose sono cambiate, lui si è reso conto, io voglio credere alle persone, do anche venti possibilità alle persone nella mia vita, non una sola. A me non frega niente del passato, mi interessa il presente. Io non credo che Mercedesz alla lunga possa essere felice senza la sua famiglia. Se lui vuole che lei sia felice io sono disposta a parlare con loro».

Poi viene mandato in onda il video della madre di Lucas, che difende il figlio.
«Tra me e lei c’è stata una chiacchierata amichevole - commenta Eva Henger - Non ho mai minacciato suo figlio. Mi mandò un messaggio pesante, che le girai subito, lei mi chiese scusa per lui, mi disse che mi avrebbe fatta chiamare e io dissi di non farlo subito perché ero arrabbiata e non volevo dire cose sbagliate»..

A chiudere è sempre l’appello al dialogo: Eva Henger e il figlio si dicono pronti in qualunque momento a riabbracciare Mercedesz.
 

Ultimo aggiornamento: 19:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma