US Open, Nadal e Serena Williams in semifinale

Mercoledì 5 Settembre 2018 di Guido Frasca
Rafa Nadal e Juan Martin Del Potro si giocheranno un posto in finale, venerdì, nella parte alta del tabellone degli US Open: in pratica la rivincita di un anno fa quando la spuntò il mancino spagnolo che poi conquistò il titolo, il terzo sin qui a New York (2010, 2013 e 2017). La sua sfida nei quarti contro Dominic Thiem, testa di serie numero 9, è stata una battaglia: 0-6 6-4 7-5 6-7 (4) 7-6 (5) dopo 4 ore e 51 minuti di lotta. Non sono bastati 74 vincenti al 25enne austriaco per prendersi la rivincita della finale al Roland Garros (dove però Rafa si era imposto nettamente in tre set) e arrestare la corsa del maiorchino, capace di raggiungere per la settima volta il penultimo atto a New York, Era la prima sfida tra i due sul cemento (Nadal era in vantaggio 7-3 ma tutti i precedenti erano stati giocati sulla terra rossa). Rafa è partito malissimo subendo la potenza del più giovane rivale, ma quando il match è entrato nel vivo sono venute fuori le grandi qualità di combattente del 32enne spagnolo, già capace di venire fuori da situazioni complicate nei turni precedenti contro Khachanov e Basilashvili.

Nell'altro quarto della parte alta del tabellone, in una giornata ancora caldissima e umida, Del Potro, testa di serie numero tre, ha superato in quattro set il gigante statunitense John Isner, 11esima testa di serie: 6-7 (5) 6-3 7-6 (4) 6-2 il punteggio, in tre ore e 31 minuti, in favore del trentenne argentino, campione a Flushing Meadows nel 2009. Per il 33enne di Greensboro, semifinalista a Wimbledon lo scorso luglio e alla seconda apparizione nei quarti a New York (ci era riuscito già nel 2011), è sfumata la possibilità di essere il primo tennista di casa in semifinale agli US Open dopo Andy Roddick nel 2006. Isner è partito molto forte, ma fiaccato dal caldo umido è calato vistosamente alla distanza e non sono bastati neppure i 26 ace e i 67 vincenti (contro 14 ace e 49 vincenti dell'avversario) per avere la meglio sul più solido Del Potro. Sono 16 i precedenti tra l'argentino di Tandil e lo spagnolo, con Nadal avanti 11-5.

Oggi intanto si giocano i due quarti della parte bassa: Cilic-Nishikori e Djokovic-Millman.

Nel torneo femminile definita la semifinale della parte alta del tabellone. Di fronte giovedì ci saranno Serena Williams e la sorpresa Anastasija Sevastova, per la prima volta così avanti in uno Slam. La 37enne campionessa statunitense, testa di serie numero 17, si è presa la rivincita dopo la sconfitta contro Karolina Pliskova, ottava testa di serie, nella semifinale del 2016. Serena si è imposta per 6-4 6-3 dopo che nel primo set era stata sotto 4-2. A scavare il solco gli otto game di fila che dal 2-4 l'hanno portata sul 6-4 4-.0 nel secondo set. Per la sei volte regina degli US Open (1999, 2002, 2008, 2012, 2013 e 2014), assente lo scorso anno per maternità, ben 35 vincenti (contro 30 gratuiti) rispetto ai 12 della sua avversaria (contro 19 gratuiti). L’obiettivo di Serena è agganciare il record Slam di Margareth Court (24 titoli). Per farlo dovrà intanto battere la Sevastov. Anche la 29 di Liepaja, 19esima testa di serie, si è presa rivincite imponendosi per 6-2 6-3 sulla statunitense Sloane Stephens, testa di serie numero 3, campionessa uscente con la quale aveva perso la passata stagione sempre nei quarti. Tra Serena la Sevastova non ci sono precedenti.

Oggi sono in programma gli altri due quarti: Suarez Navarro-Keys e Osaka-Tsurenko. Ultimo aggiornamento: 6 Settembre, 00:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA