Atp Cup, la Spagna supera il Giappone e accede ai quarti

Mercoledì 8 Gennaio 2020
Con la vittoria della Spagna sul Giappone, grazie ai netti successi di Bautista Agut su Soeda e di Nadal su Nishioka, sono 5 le squadre già qualificate per i quarti di finale di Atp Cup che si svolgeranno a partire da domani a Sydney. Gli spagnoli si sono aggiunti infatti a Serbia, Russia, Australia e Gran Bretagna e aspettano di conoscere i loro avversari che saranno decisi dall'ultima tornata di partite in programma oggi nelle tre sedi dei gironi di qualificazione: Brisbane, Perth e la stessa Sydney. Il Giappone, che pure aveva vinto entrambi i suoi precedenti incontri, con Uruguay e Georgia, paca carissimo il punto perso nel doppio contro i georgiani a risultato acquisito. Oggi avrebbe dovuto fare un punto contro la Spagna per alimentare le sue chances di essere una delle due migliori 'seconde classificatè che si uniranno nel tabellone finale alle sei vincitrici dei gironi. Un harakiri clamoroso lo ha fatto l'Austria che poteva sperare nella qualificazione battendo la Polonia, ancora a zero punti ne girone E. Invece Dominic Thiem, n.4 del mondo, si è fatto battere da un ottimo Hubert Hurkacz, n. 37 (e questo, anche se contro pronostico, ci poteva anche stare, dato il valore del 22enne di Wroclaw). Il match è stato bello e tiratissimo, concluso 7 punti a cinque a favore di Hurkacz nel tie break del terzo set (3-6 6-4 7-6 il punteggio). Ma Dennis Novak, n. 105, che va sotto con Kacper Zuk, n.448, ha poco senso, eppure in questa strana, nuova Atp Cup in cui i migliori del mondo spesso sono in condizione di fare squadra con tennisti che non hanno mai giocato un match nel circuito maggiore, può succedere di tutto.

Anche che Stefanos Tsitsipas rischi di colpire suo papà Apostolos con una violenta racchettata, non indirizzata a lui ma a una transenna con cui voleva sfogare la rabbia per non riuscire a venire a capo del talento imperscrutabile ma illimitato di Nick Kyrgios, nella platonica ma spettacolare sfida tra Grecia e Australia. Del tutto inutile e ininfluente anche la partita che ha visto in campo per la terza volta quest'anno Novak Djokovic. La Serbia era già prima del girone e il Cile ultimo. Dunque il 6-3 6-3 rifilato a Cristina Garin è solo un buon allenamento per il n.2 del mondo e leader della squadra n.2 nel tabellone dell'Atp Cup. Nole può attendere a piè fermo gli avversari nei quarti di finale: saranno una delle due formazioni seconde classificate che usciranno dopo gli ultimi 3 confronti di giornata. Particolarmente teso quello tra Francia e Sudafrica, che si contendono il secondo posto nel girone della Serbia: entrambe devono imporsi per 3-0 se vogliono avere la possibilità di essere «migliori seconde».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma