Rugby, Sei Nazioni: azzurrini ancora in palla, a Treviso cade anche la Scozia

Account Twitter ufficiale SIx Nations Under 20
di Christian Marchetti
3 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Marzo 2022, 22:20

Quanto è bella questa Italia Under 20! A Treviso, l'hanno esclamato la prima volta un mese esatto fa, quando la gioiosa fabbrica di grinta e aggressività di Massimo Brunello ha vinto uno storico match contro l'Inghilterra. Lo ripetono stasera, con Ferrari (splendido autore di due mete) e gli altri a superare anche la Scozia, ottenendo un 2 su 2 di successi meritatissimo. L'exploit di questa sera, soprattutto, cancella con un drastico colpo di spugna la delusione per la batosta, in verità fin troppo severa, buscata a Cork dall'Irlanda. Italia 27, Scozia 13; quattro punti in classifica (e fanno otto in totale) per gli azzurrini, zero per gli ospiti. Italia quarta in classifica a prescindere da Inghilterra-Irlanda di domani.

È bella questa Italia Under 20. Lo è in quelle espressioni di rabbia che diventa rugby fisico eppure calcolato, tra avanti e trequarti. Lo è nel gioco a terra, nelle fasi statiche, o quando sceglie di aprire il pallone al largo. Lo è quando, dopo appena quattro minuti, manda per la prima volta in meta il capitano Ferrari dopo un drive da manuale su touche giocata nella ventidue scozzese. Ospiti che risalgono il punteggio con i due piazzati di McClintock del parziale 7-6, ma Sante - al debutto da titolare all'apertura - allunga a 10-6 ed è il preludio per la marcatura al 33' di Mey, entrato appena cinque minuti prima per Pani: Garbisi mette in moto i trequarti sulla linea dei 10, il pallone arriva al numero 23 in maglia bianca che, sulla destra, lascia di stucco la difesa avversaria, mette la quinta e va a segnare facendo intravedere solo la targa.

Sul 17-6 l'Italia ha ancora voglia. Il piede di Sante arrotonda il punteggio e la mischia, nel frattempo, tracima: è il 53' quando gli ospiti introducono in chiusa a trenta metri dalla propria linea, il pack azzurro passa letteralmente sopra a quello avversario "dimenticando" l'ovale, che viene raccolto da Ferrari per lo sprint che vale il 27-6. Gli scozzesi limitano i danni, chiudono le maglie a una squadra in cerca della meta del bonus e, sul finale, sono proprio loro a segnare, con Taylor. Ma, a quel punto, sono i padroni di casa - i bellissimi e combattivi padroni di casa - a uscire con i quattro punti.   

© RIPRODUZIONE RISERVATA