Larissa Iapichino salta Tokyo 2020 per infortunio. Stefano Mei «Giusto fermarsi, tornerà più forte»

Tokyo 2020: l'Italia dell'atletica deve rinunciare a Larissa Iapichino
2 Minuti di Lettura
Martedì 29 Giugno 2021, 17:02 - Ultimo aggiornamento: 17:38

Brutte notizie per la nazionale italiana alle Olimpiadi di Tokyo. Della spedizione in terra nipponica non farà parte Larissa Iapichino, la saltatrice in lungo figlia di Fiona May. La giovane, attualmente allenata dal padre Gianni, e con la quale l'Italia aveva speranze di portare una medaglia a casa, si è infortunata in maniera seria ai campionati italiani dei giorni scorsi di Rovereto.

La delusione della figlia di Fiona

«Sono dispiaciuta ed amareggiata per questa situazione ma cercherò di affrontare il tutto con la mia solita positività e motivazione. Nonostante sia molto giovane, ammetto che non sia facile vedersi scivolare di mano il sogno olimpico ma penso che l'appuntamento sia solo rimandato. O almeno è ciò che continuerò a sognare». Queste le parole a caldo della lunghista dopo l'infortunio agli assoluti di Rovereto.

Sull'accaduto si è espresso Stefano Mei, presidente della Fidal, che ha detto: «Dispiace che Larissa debba fermarsi ma è tanto giusto quanto inevitabile che le cose vadano così. Un'atleta del suo valore, con le sue prospettive, deve puntare per prima cosa all'integrità. Sono certo che questo inconveniente non arresterà la crescita: ci si ferma ora, per tornare più forti»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA