Irma Testa sconfitta, ma è comunque nella storia: prima medaglia per le azzurre della boxe

Irma Testa, uno storico bronzo per il pugilato (femminile)
3 Minuti di Lettura
Sabato 31 Luglio 2021, 08:07 - Ultimo aggiornamento: 20:07

Ci ha provato, e no, non ce l'ha fatta, Irma Testa. Quel bronzo che aveva al collo dal 28 luglio è rimasto un bronzo. La campana, 23 anni, alla seconda Olimpiade dopo quella di Rio 2016 dove era stata la prima donna pugile a partecipare ai Giochi olimpici, ha segnato un altro record nella storia della boxe azzurra a cinque cerchi. E poco importa se l'avventura si è infranta sui guantoni della filippina Neshty Petecio, in semifinale, perché sperare con lei, tifarla è stata comunque una vittoria.

 

Tokyo 2020, Irma Testa di bronzo

Nella categoria 54-57 kg, la campana, a Tokyo 2020, ha perso non la gara più importante, ma con il punteggio di 4-1 ha abdicato al trono, perché lei resta una combattente anche quando le cose non vanno come dovrebbero andare, e soprattutto fuori dal ring. Di oro, poi, per scaramanzia, non ne aveva parlato, e la sua medaglia è comunque il giusto ricoscimento a un mondo che con lei, con le sue imprese, potrebbe crescere. E continuare a sfornare talenti da mandare avanti, perché quello di Testa non rimanga l'unico trionfo.

Ma soprattutto, il suo bronzo è un riscatto da un momento non facile, per nessuno, specie per gli atleti. Tra gare rinviate, non per ultima questa trentaduesima edizione delle Olimpiadi, vincere è un sogno che si avvera: «Il periodo terribile che abbiamo vissuto prima di Tokyo, abbiamo avuto gare interrotte, eventi che saltavano, eccetera - ha spiegato al Messaggero -. non è facile. Capisco possa essere molto stressante per una grande campionessa come la Biles, che spinge il proprio fisico sempre al limite, essere alle Olimpiadi, non sentirsi al massimo e sapere che comunque tutti si aspettano il tuo oro».

Ora potrà tornare dalla sua nipotina: «Mi manca la mia famiglia, mia nipote che è nata da quattro mesi e l’ho vista pochissimo. La pasta», perché è una combattente dal cuore tenere, in fondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA