Euro 2020, Mattarella come Pertini, Ciampi e Napolitano: sarà alla finale di Wembley per Italia-Inghilterra

Euro 2020, sugli spalti di Wembley per la finale di domenica ci sarà il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella
2 Minuti di Lettura
Giovedì 8 Luglio 2021, 10:46 - Ultimo aggiornamento: 14:59

Mattarella come Pertini. Ci sarà anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sugli spalti dello stadio Wembley domenica prossima per la finale degli europei Italia-Inghilterra. Il Capo dello Stato ha deciso di raggiungere gli Azzurri per supportarli in questa importantissima sfida.

Inghilterra in finale di Euro 2020 con “l'aiutino”: decisivo il rigore (molto dubbio) di Kane ai supplementari

A fare il tifo in tribuna anche il principe William che ieri ha esultato per la vittoria contro la Danimarca. Sicuramente non mancherà l'appuntamento per la finale. A grande richiesta però potrebbe partecipare anche il piccolo George di Cambridge. L'erede al trono del Regno Unito che il prossimo 22 luglio compirà 8 anni è richiestissimo dai tifosi dei Leoni.

Italia-Inghilterra, domenica 11 luglio la finale degli Europei

Per la quarta volta la Nazionale i giocherà una finale degli europei, nove anni dopo la sfida persa con la Spagna a Kiev. Sarà la prima volta per il Presidente Mattarella ad una finale calcistica. L'annuncio fa ricordare a tutti gli italiani la partita a carte tra il Presidente Pertini e Enrico Bearzot nell'aereo di ritorno dopo la vittoria dei campionati mondiali di Spagna '82 (vinti 3-1 contro la Germania al Bernabeu). Ma anche Giorgio Napolitano, che era a Berlino nel luglio 2006, la notte del quarto titolo mondiale, quando l'Italia sconfisse la Francia per 5-3 ai rigori.

All'ex presidente Carlo Azeglio Ciampi, presente alla finale degli europei in Francia il 2 luglio del 2000, toccò il compito più duro: persa la partita, decise di raggiungere gli spogliatoi dello stadio di Rotterdam per consolare i giocatori: una volta rientrati in Italia, li nominò Cavalieri della Repubblica.

Euro 2020, Zoff scrive per noi: «L'Italia ha un gruppo solido, come il nostro in Spagna '82»

© RIPRODUZIONE RISERVATA