Lazio, la difesa a quattro per Cristiano

Mercoledì 23 Gennaio 2019
Prove tecniche di difesa a 4. Osare e cambiare o andare avanti con lo spartito di sempre. Questo è il problema di Inzaghi. Sorprendere e fare la difesa a quattro, lanciando Correa più tutti gli altri oppure non cambiare nulla e confermare il modulo classico con i tre centrali davanti a Strakosha. E vedere un po’ come va, anche se Wallace e Bastos contro Ronaldo e compagnia mettono un po’ d’apprensione. L’emergenza in difesa più la paura di allontanarsi dalla zona Champions però potrebbero spingere verso il cambiamento. Davanti c’è sempre la Juve, quelli che non perdono mai. Naturale che questo potrebbe mettere ancora più paura e far restare le cose così come sono oppure dare all’allenatore il coraggio di azzardare e provarci, visto che tanto nessuno si aspetta incredibili sorprese. Il tecnico laziale non demorde e non parte sconfitto, studia le contromosse da adottare contro la corazzata-Juventus ed è pronto anche a correre dei rischi. 
FANTASIA 
La strada è in salita. Senza i due centrali titolari Acerbi e Luiz Felipe e sempre senza Marusic, c’è la necessità di inventarsi di nuovo qualcosa a destra. L’ipotesi è cambiare assetto tattico e Patric esterno basso a destra è più di una semplice idea. A completare il reparto Bastos, più uno tra Wallace e Radu. Il romeno ago della bilancia. E’ pronto a fare il centrale se Lulic farà il terzino o tornare lui stesso a giocare come laterale sinistro. Inzaghi le proverà tutte. Di sicuro vuole ripartire dai primi venti minuti della ripresa con il Napoli, con una Lazio che ha giocato senza timori, ordinata nel pressing e con coraggio. Certo, c’erano 2 gol da recuperare e l’atteggiamento più aggressivo era dovuto, ma allo stesso tempo c’era pure il rischio di subirne altri. L’uomo di quella “piccola” e temporanea svolta è stato Correa e da lui, probabilmente, si ripartirà. La suggestione è quella di contare sull’argentino e affiancargli Luis Alberto, in modo da supportare al meglio Immobile. Subito dietro Milinkovic, Leiva e Parolo. La squadra si muoverebbe col 4-3-2-1. Non è escluso nemmeno il modulo 4-2-3-1 con la candidatura di Badelj accanto a Leiva.
PAZZA IDEA
Nella testa di Inzaghi girano tante cose e l’emergenza in difesa potrebbe perfino portare il tecnico a pensare di schierare Leiva come centrale difensivo al posto di Acerbi. Un uomo d’ordine e carismatico, da cui far ripartire l’azione potrebbe far comodo lì dietro, a maggior ragione avendo davanti Badelj e Parolo. A Liverpool il brasiliano l’ha fatto diverse volte. E’ capitato pure in Italia col Napoli l’anno scorso, ma con scarsi risultati. Oggi in campo si comincerà a fare sul serio e mai come questa volta, Inzaghi appare orientato a proporre una difesa a quattro. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La scuola dove la geometria si insegna giocando a carte

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma