Genoa-Napoli, le pagelle: Hysaj perde di vista Kouamé, Piatek non si vede

Sabato 10 Novembre 2018 di Marco Callai
GENOA

Radu 6,5
Monumentale la sua parata su Milik, d’istinto e tecnica, al 36’. Incolpevole sul pareggio di Fabian Ruiz.

Biraschi 6
Primo tempo quasi impeccabile in fase di marcatura, cala nella ripresa quando il Napoli mette il Genoa all’angolo.

Romero 6
Argina Milik e vince quasi tutti i confronti aerei. Mertens gli provoca maggiori difficoltà.

Criscito 6,5
La sua miglior prestazione da inizio anno, dai suoi piedi la manovra riparte sempre velocemente e i meccanismi difensivi sono ben coordinati.

Romulo 6,5
Gran lavoro sulla fascia destra per annullare Zielinski, suo l’assist per l’1-0 di Kouamè.
(45’ st Pandev)

Hiljemark 5,5
Corre molto, ma spesso e volentieri a vuoto senza riuscire a dare un contributo di sostanza.
(33’ st Mazzitelli)

Veloso 5,5
Non fa filtro, non imprime la sua consueta personalità alla gara
(dal 13’st Omeonga 5,5: ha bisogno di troppo tempo per entrare in un match che richiede, da subito, determinazione e freddezza).

Bessa 6
Parte a tutta forza fin dal primo minuto poi cala fisicamente perché soffre il pressing di Allan.

Lazovic 6
Bene nel primo tempo soprattutto in fase di spinta, ma nella ripresa la stanchezza lo avvolge.

Piatek 5
Lontano parente dell’infallibile cecchino di inizio stagione.

Kouamé 7
Gol a parte, una costante spina nel fianco. Micidiale nelle ripartenze, a turno costringe a un super lavoro Albiol e Koulibaly.  

All.: Juric 6
Ottima impostazione della gara, ma gli innesti di Omeonga e Mazzitelli non aiutano la squadra ad arrestare la crescente pressione del Napoli.
 

NAPOLI

Ospina 6
Poco impegnato nell’arco dell’intera gara, incolpevole sul gol.

Hysaj 5
Perde di vista Kouamé in occasione del gol del vantaggio del Genoa.
dal 36’st Malcuit)

Albiol 5,5
Va in difficoltà nel primo tempo contro Kouamé, ingaggia numerosi duelli uscendo sconfitto in diverse occasioni

Koulibaly 6,5
Il miglior interprete della fase difensiva, annulla Piatek.

Mario Rui 6
Fatica molto a contrastare la spinta di Lazovic ma dal suo piede parte la punizione che provoca l’autorete di Lazovic.   

Allan 6,5
Interpreta il suo ruolo nel migliore dei modi, offre numerosi palloni alle punte e in particolare “accende” Mertens nell’azione del pareggio.

Hamsik 5,5
Poca qualità nelle giocate, non riesce mai a incidere con un colpo degno del suo blasone.

Zielinski 5
Perde il pallone da cui nasce il vantaggio del Genoa, pensa solo alla fase offensiva e non aiuta Mario Rui. 
(dal 1’ st Fabian Ruiz 7: segna il gol del pareggio)

Callejon 6
Senza infamia e senza lode.    

Insigne 6
Il più frizzante nel primo tempo quando a fermarlo è soltanto il palo. Cala nella ripresa forse a causa della stanchezza dovuta alle energie spese anche in Champions.

Milik 5
Sfortunato al 36’ quando Radu, da un metro, gli nega il gol del pari. Per il resto, va incontro a una sonora bocciatura tanto che Ancelotti lo lascia negli spogliatoi nell’intervallo.
(dal 1’st Mertens 6,5 tutt’altro peso in attacco rispetto al polacco, illumina Fabian Ruiz per l’1-1 e negli ultimi minuti spinge i compagni all’assalto del fortino).

All.: Ancelotti 6,5
Legge bene la partita e opera i giusti cambi nell’intervallo. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il manuale dei viaggiatori per evitare i borseggiatori di Roma

di Mauro Evengelisti