CORONAVIRUS

Fantacalcio, ripresa degli allenamenti: la situazione squadra per squadra

Lunedì 11 Maggio 2020 di Francesco Guerrieri
Smalling, Kolarov, Fazio e Dzeko a distanza ravvicinata in un allenamento pre virus. In questi giorni è non è possibile
Un primo passo verso la semi-normalità. Mentre i vertici del calcio sono in contatto continuo per capire se c’è la possibilità di ripartire nella massima sicurezza, dal 4 maggio il governo ha dato il via libera alle venti squadre di Serie A di poter ricominciare gli allenamenti in modo individuale nei propri centri sportivi seguendo tutte le indicazioni. Vediamo quindi, squadra per squadra, come stanno riprendendo il lavoro, in attesa del 18 maggio in cui ci sarà la possibilità di poter lavorare in piccoli gruppi.

ATALANTA
La squadra di Gasperini ha ricominciato a lavorare da martedì 5 maggio con sedute individuali e volontarie. Come anche per le altre squadre, i giocatori rientrati dall'estero dovranno osservare un periodo d'isolamento di 14 giorni, come previsto dal protocollo. 

BOLOGNA
300 giorni dopo l’inizio della sua lotta contro la leucemia anche Sinisa Mihajlovic si è presentato al centro sportivo di Casteldebole per allenarsi: “In hotel mi annoio”. Il Bologna ha ripreso l’attività il 5 maggio, presente il medico ma senza staff.

BRESCIA
I giocatori hanno effettuato i test medici dopo due mesi di stop forzati, ma ancora non è stata definita una data per ricominciare ad allenarsi individualmente. Un segno chiaro, da parte del presidente Cellino, della volontà di non riprendere il campionato.

CAGLIARI
Il presidente della Regione Salinas aveva già dato il via libera per allenarsi individualmente. Lunedì 11 maggio verranno effettuati i test medici a giocatori e staff alla presenza dello staff medico, successivamente la squadra sarà sottoposta alle visite mediche presso il centro medico Korian a Quartu Sant’Elena. Poi potranno riprendere gli allenamenti individuali.

FIORENTINA
I tamponi e test sierologici effettuati, hanno riscontrato altri sei casi positivi al coronavirus nella Fiorentina: tre giocatori e tre dirigenti, che si aggiungono agli 11/13 dei mesi precedenti. Da venerdì 8 maggio, intanto, chi è risultato negativo al test, ha ricominciato ad allenarsi in modo individuale presso il centro sportivo.

GENOA
I cancelli del Signorini sono ancora chiusi. Il club era in attesa del protocollo sanitario per poter riprendere gli allenamenti individuali, intanto da lunedì 11 maggio i giocatori della rosa saranno sottoposti ai test sierologici. Nei giorni scorsi Pandev, Masiello e Favilli si erano già presentati al laboratorio al Porto Antico.

INTER
Dopo 58 giorni il centro Sportivo di Appiano ha riaperto. I nerazzurri hanno ricominciato ad allenarsi venerdì 8 maggio seguendo tutte le direttive del caso: rosa divisa in tre gruppi, esercizi e pallone per tutti. In attesa di fare il tampone – come tutto il resto dello staff – il secondo giorno d’allenamento anche Antonio Conte si è presentato al centro sportivo per seguire da lontano la squadra. Insieme a lui un preparatore e un medico.

JUVENTUS
I bianconeri hanno ricominciato a lavorare in modo individuali da martedì 5 maggio. I giocatori sono seguiti da un componente dello staff di Sarri, la Juve ha messo a disposizione dei giocatori il J Hotel – dove alcuni hanno trascorso il periodo di lockdown - per potersi cambiare e fare la doccia in camere singole.

LAZIO
Quattro/cinque giocatori a lavoro contemporaneamente separati, uno per ognuno dei cinque campi presenti al centro sportivo di Formello. Mercoledì 6 maggio anche la Lazio ha iniziato la ripresa degli allenamenti: Caicedo, Luis Alberto e Milinkovic sono i giocatori più in forma della rosa di Simone Inzaghi.

LECCE
I tifosi giallorossi protestano per la ripresa del campionato, la squadra intanto ha iniziato la ripresa già da lunedì 4 maggio allo stadio Via del Mare. Assenti staff tecnico e sanitario, i giocatori sono divisi per fascia oraria per evitare che si possano incrociare.

MILAN
Giovedì 7 maggio la squadra di Pioli ha ricominciato a lavorare in modo individuale al centro sportivo di Milanello. Squadra divisa in due gruppi, staff tecnico ridotto al minimo indispensabile. Il club intanto, dopo aver effettuato i test medici, smentisce che ci possano essere casi positivi di coronavirus tra i giocatori o staff medico.

NAPOLI
Dopo aver effettuato i tamponi, tutti dall’esito negativo, la squadra di Rino Gattuso ha ricominciato a lavorare a Castelvolturno domenica 10 maggio: allenamenti facoltativi individuali nel rispetto delle norme previste. Uno o due uomini dello staff a seguire i giocatori divisi per gruppi.

PARMA
Nonostante il via libera da parte del governatore della Regione fosse arrivato qualche giorno prima, il Parma ha deciso di riprendere gli allenamenti nel centro sportivo di Collecchio mercoledì 6 maggio: squadra divisa in due gruppi e spogliatoi chiusi. Niente lavoro col pallone, solo corsa sotto lo sguardo attento di un medico.

ROMA
Giocatori divisi in tre gruppi su due campi, così la squadra di Fonseca giovedì 7 maggio ha ricominciato ad allenarsi a Trigoria. Lavoro atletico ed esercizi individuali col pallone, presente anche l’allenatore che segue da lontano il lavoro della squadra.

SAMPDORIA
Ripresa inizialmente fissata per mercoledì 6 maggio ma posticipata di 24h per permettere di effettuare test più approfonditi visti i molti casi di coronavirus in squadra nei mesi scorsi. Squadra divisa in due gruppi che si alternano sui campi del centro sportivo di Bogliasco ogni ora circa.

SASSUOLO
La squadra di De Zerbi è stata la prima a tornare in campo dopo il lockdown. I neroverdi hanno ricominciato ad allenarsi la mattina di lunedì 4 maggio al Mapei Football Center: i primi ad arrivare sono stati Djuricic, Rogerio e Magnani, si sono divisi nei tre campi del centro sportivo dove ci si può allenare al massimo in due per volta.

SPAL
L’ok da parte del governatore della Regione per lavorare individualmente è arrivato, ma in casa Spal non è stato effettuato nessun tampone o test sierologico. La società aspetta che venga reso noto il protocollo per poi poter ricominciare ad allenarsi nella massima sicurezza.

TORINO
Sei giocatori divisi in due campi, tre ognuno contemporaneamente con sessioni di un’ora e mezza / due prima del cambio turno. Così il Torino ha ripreso ad allenarsi al centro sportivo venerdì 8 maggio. Presente anche l’allenatore Moreno Longo.

UDINESE
I bianconeri hanno ricominciato a lavorare in modo individuale martedì 5 maggio: l’accesso al centro sportivo Bruseschi è consentito a un gruppo limitato di persone per una durata massima di un’ora e mezza. Accesso consentito esclusivamente ai campi d’allenamento.

VERONA
Dopo lo screening al quale si sono sottoposti giocatori, staff tecnico e sanitario, da venerdì 8 maggio i gialloblù hanno ricominciato ad allenarsi in modo individuale , a distanza di due metri uno dall’altro: squadra divisa in gruppi su due campi, più un terzo messo a disposizione per gli infortunati. Presente anche l’allenatore Juric, un gruppo ristretto di collaboratori tecnici e il responsabile sanitario.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani