Assoluti Boxe, Spada vince il match e l'avversario mima agli arbitri il gesto della paura

Lunedì 16 Dicembre 2019
video
Un match che ha fatto discutere, almeno il pubblico presente nel Palasantoro, quello tra Simone Spada e Giuseppe Canonico (del gruppo Sportivo della Polizia Penitenziaria), nell'ambito degli Assoluti di boxe, giunti alla fase finale. Dopo che, infatti, l'arbitro ha decretato la vittoria del primo, nella categoria dei 60 chili, Canonico, rivolto verso gli arbitri ha mimato il segno della paura. Come se quel verdetto ne fosse una conseguenza. Un gesto ripetuto più volte, mentre Spada non raccoglieva la polemica. Il verdetto è stato di 3 a 2. 

«Una rapina a viso scoperto - ha scritto un utente (che ha lo stesso cognome dello sconfitto, quindi presumibilmente un parente) sul profilo Facebook dello stesso Spada - Ha vinto il tuo pubblico e le paure degli arbitri». A stretto giro è arrivata la replica dello stesso Spada: «Purtroppo di tante persone dell’ambiente del pugilato sei l’unico a dare questo parere, bisogna anche saper accettare le sconfitte, senza insultare nessuno. Poi una domanda: perché gli arbitri avrebbero avuto paura ... paura di cosa? Io come tutti faccio tanti sacrifici per raggiungere il mio sogno quindi scrivere certe cose in pubblico non è carino».

Leggi anche:-> La boxe torna Capitale: tra superstar e tornei il ring conquista tutti
Leggi anche:-> Pugilato, la settimana degli assoluti a Roma: ospite il campione mondo massimi Wbc Wilder

(di Marco Pasqua - video Federazione Pugilistica Italiana) Ultimo aggiornamento: 14:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA