Giro d’Italia, a rischio la programmazione in televisione. Manca l’accordo tra Rai ed Rcs

Sabato 24 Novembre 2018 di Francesca Monzone
Crescono i dubbi tra Rai e Rcs, la televisione di Stato potrebbe non trasmettere il Giro d’Italia preferendo la Vuelta di Spagna. Rai Sport ancora non ha firmato l’accordo per i diritti televisivi del 2019 relativi al ciclismo a causa dei costi  richiesti da Rcs e a saltare sarebbe l’intero palinsesto delle due ruote.  Il contratto non ancora siglato prevede: Tirreno-Adriatico,  Giro d’Italia, Strade Bianche, Milano-Sanremo, Giro di Lombardia e altre corse minori. Il problema a quanto pare, andrebbe ricercato nei costi elevati richiesti dal gruppo lombardo, che avrebbe chiesto 18 milioni di euro contro i 12 del precedente contratto, oltre alla completa produzione a carico della Rai. 

Complice di questo fermo è anche la mancanza di un direttore al comando del canale tematico nazionale, che dopo l’uscita anticipata di Gabriele Romagnoli lo scorso agosto, ancora non ha trovato un sostituto, nominando Bruno Gentili direttore ad interim. Rai Sport inoltre sembra che stia prendendo in considerazione la possibilità di acquistare i diritti per la Vuelta di Spagna insieme ad altre corse che si svolgono nella penisola Iberica, poiché i costi sarebbero sotto il milione di euro. 

Gli italiani a questo punto potrebbero perdere tutta la programmazione del ciclismo nazionale, che oltre alle corse di Rcs, prevede altri 60 eventi per un totale di 120 ore di programmazione. Paradossalmente se a rischio risultano tutte le corse italiane, per il 2019 sono già confermati gli eventi internazionali come Tour de France, Parigi-Nizza, Parigi-Roubaix, Giro delle Fiandre, Liegi-Bastogne-Liegi, Amstel Gold Race oltre alle corse della Federazione Internazionale come Mondiale e pista.

Se un accordo con Rcs potrebbe essere siglato nelle prossime settimane, molta incertezza rimane per il pacchetto minore, che comprende tra gli altri: Trofeo Laigueglia, Trofeo Coppi e Bartali, Giro d’Italia femminile e under23, Tour of the Alps, Coppa Agostoni e tutte le corse di Federazione compresi i Campionati Italiani. 
Se questo dovesse accadere, ne risentirebbe l’intero ambiente ciclistico, poiché una mancata copertura televisiva si ripercuoterebbe inevitabilmente sugli investimenti da parte degli sponsor, aumentando la crisi del settore, dove le squadre sempre di più fanno fatica a sopravvivere.  Ultimo aggiornamento: 20:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma