CORONAVIRUS

Coronavirus, pallavolo, rugby e sport rotellistici sospendono momentaneamente le attività sportive

Lunedì 24 Febbraio 2020
La Federazione italiana pallavolo, congiuntamente alle due Leghe di Serie A maschile e femminile, rende noto di «avere deciso di sospendere l'intera attività pallavolistica nazionale a tutti livelli fino al primo marzo compreso». «La decisione - si legge, in un comunicato - è stata assunta al termine di una riunione d'urgenza che si è tenuta ieri a Bologna in conseguenza dei diversi provvedimenti che si stanno assumendo in ambito governativo-istituzionale».

Anche il rugby si ferma a causa dell'emergenza Coronavirus. Lo rende noto, con un comunicato apparso sul sito ufficiale, la Federazione. «La Federazione italiana rugby - si legge - facendo seguito alle ordinanze disposte dalle autorità competenti e del Coni, in tema di contenimento dell'emergenza epidemiologica in atto, per il fine settimana del 28 febbraio-1 marzo sospende i campionati nazionali, inclusa tutta l'attività giovanile, ma anche l'attività di raduno delle Nazionali nelle regioni raggiunte dai dispositivi».

Rinviato a che «il posticipo del 9 maggio della 13/a giornata del campionato italiano Peroni Top12, originariamente in programma nel fine settimana corrente, con slittamento temporale di una della programmazione complessiva: le semifinali sono riprogrammate nei week-end del 23-24 maggio e del 30-31 maggio. La Finale del massimo campionato nazionale è riprogrammata il 6 giugno». La Federugby infoma, inoltre, che è previsto lo «slittamento temporale delle partite dei campionati di Serie A, B e C in programma nel fine settimana del 28 febbraio-1 marzo e loro riprogrammazione nella giornata di domenica 22 marzo, con la conclusione dei rispettivi campionati che verrà posticipata di una settimana rispetto ai calendari precedentemente annunciati». «La Federazione continuerà a lavorare - prosegue la nota - al fianco delle autorità nazionali e locali, e coopererà per garantire l'applicazione delle corrette misure al fine di garantire il contenimento dell'emergenza epidemiologica a tutela della salute pubblica, dei tesserati e delle loro famiglie».

Anche gli sport rotellistici si fermano per l'emergenza Coronavirus. La Federazione italiana, con un comunicato, informa che «in Piemonte, Valle d'Aosta, Liguria, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna sono sospesi manifestazioni sportive, raduni, incontri, spostamenti da e per le regioni coinvolte, e ogni attività federale». La Fisr, inoltre, «invita alla massima cautela società e addetti». «A causa del diffondersi dei casi del Coronavirus in molti territori del Norditalia, la Federazione italiana sport Rotellistici ha vietato, da oggi lunedì 24 febbraio e fino a domenica 1 marzo inclusa, lo svolgimento delle proprie attività nelle seguenti regioni: Piemonte, Valle d'Aosta, Liguria, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani