Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Brittney Griner, campionessa di basket americana arrestata per droga in Russia: il fermo rischia di aumentare la tensione tra Mosca e Washington

Brittney Griner (31), cestista delle Phoenix Mercury
3 Minuti di Lettura
Sabato 5 Marzo 2022, 16:05 - Ultimo aggiornamento: 17:36

Potrebbe aprirsi un ulteriore caso diplomatico - all'interno di un quadro già molto difficile in questi ultimi giorni dovuto allo scoppio della guerra in Ucraina - tra Stati Uniti e Russia, dopo che le autorità di Mosca hanno annunciato di aver arrestato la cestista americana Brittney Griner. Il servizio doganale dell’Aeroporto Sheremetyevo che ha proceduto al fermo aveva inizialmente omesso il nome del soggetto fermato (il fatto è avvenuto a febbraio), limitandosi a dire che si trattava di una sportiva statunitense vincitrice di due medagli olimpiche: è stata in seguito l'agenzia di stampa russa TASS, citando una propria fonte anonima, a rendere noto il nome della 31enne texana, in forza alle Phoenix Mercury - squadra del campionato di basket WNBA. Le autorità hanno diffuso un video in cui si vede un individuo con indosso una felpa nera e la mascherina mentre viene fermato durante i controlli di sicurezza e con un addetto alla sicurezza che estrae dalla sua borsa un pacco e diversi oggetti.

Da quanto dichiarato dagli stessi agenti l'atleta sarebbe stata trovata in possesso di sostenza stupefacenti una volta fermata alla dogana dopo un volo proveniente da New York, parlando addirittura di “trasporto di droga su larga scala”: avrebbe avuto con sé una sigaretta elettronica e dell'olio di cannabis. Ora rischia tra i 5 e 10 anni di galera da scontare in Russia. Come riporta il New York Times, l'episodio avviene in un momento di forte tensione nei rapporti tra Mosca e Washington - anche a causa dello scoppio del conflitto in est Europa - e l'arresto di un cittadino americano di alto profilo potrebbe essere visto come il tentativo del governo russo di creare i presupposti per uno scambio di prigionieri con gli americani.

È normale che molte giocatrici della WNBA si trasferiscano a giocare in Russia durante la pausa del campionato americano: la stessa Griner da diversi anni milita per la squadra russa dell'UMMC Ekaterinburg. Al momento l'agente della cestista e i portavoce della WNBA e dei Phoenix Mercury non hanno rilasciato dichiarazioni riguardo l'accaduto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA