Gli Street Clerks: «Da "E poi c'è Cattelan" al nuovo disco: la nostra rivoluzione»

Mercoledì 16 Maggio 2018 di Costanza Ignazzi

Poco più di 30 anni e tanta voglia di “Rivoluzione”. Gli Street Clerks non sono solo “la band di E poi c'è Cattelan” ma quattro appassionati musicisti con la "fissa" per i Beatles. Tanto che il loro nuovo singolo "Rivolù", primo estratto dall'album appena uscito “Com'è andata la rivoluzione?” è ispirato a Hey Jude ed è un tributo agli idoli che hanno rivoluzionato il concetto di pop.
 

Ma qual è questa “rivoluzione”? «E' il nostro cambiamento interiore – spiegano al Messaggero – rispetto a 11 anni fa quando abbiamo cominciato a suonare insieme: avevamo i capelli colorati, tanta voglia di spaccare e tantissimi sogni. Alcuni si sono realizzati, poi siamo crescuiti: la rivoluzione è la nostra analisi personale di questo periodo». Un disco con tante sfaccettature e colori: un crocevia di generi. «Partendo dal new folk che facevamo anni fa siamo arrivati a inserire anche dei sintetizzatori, cose che fino a poco tempo fa ci sembravano impensabili».
 

 

Gli Street Clerks sono un “prodotto” fortunato di X Factor, dal quale sono usciti nel 2013: «Lo rifaremmo anche ora, soprattutto perchè in quell'edizione non potevamo suonare, è stata una bella esperienza, intensa, ma non era facile far capire al pubblico quello che siamo - raccontano - Diciamo che questo disco è uno stacco, è la prima volta che produciamo qualcosa che sentiamo veramente nostro: il primo lavoro senza cover e con dietro un processo più maturo e consapevole, dal contenuto alla copertina».

Ultimo aggiornamento: 17:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA