Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

“Quella carezza della sera” simbolo di una generazione: sembrava una canzone d'amore, ma non lo era

Raccontava di una separazione, forse di una morte. E adesso che se n’è andato anche chi cantava quel testo struggente, resta la voce delicata e avvolgente di Vittorio De Scalzi

Quella carezza della sera simbolo di una generazione: sembrava una canzone d'amore, ma non lo era
di Francesca Nunberg
3 Minuti di Lettura
Domenica 24 Luglio 2022, 16:02 - Ultimo aggiornamento: 25 Luglio, 07:57

Tutti sapevano le parole a memoria, si cantava insieme a squarciagola come se fosse una canzone d’amore, ma non lo era. Raccontava di una separazione, forse di una morte, comunque di un padre che non c’era più. E adesso che se n’è andato anche chi cantava quel testo struggente, nell’immaginario collettivo di quella generazione che s’affacciava al mondo alla fine degli anni Settanta, resta la voce delicata e avvolgente di Vittorio De Scalzi. “Non so più il sapore che ha / Quella speranza che sentivo nascere in me / Non so più se mi manca di più /Quella carezza della sera o quella voglia di avventura / Voglia di andare via di lì...”. Via dall’infanzia, dalle liti tra i genitori (“Quando tornava mio padre sentivo le voci”), dalla tristezza materna (“Quando chiedevo a mia madre dov’eri tu / Che cos’era quell’ombra negli occhi suoi”). Anche chi è nato venti o trent’anni dopo, quella canzone da qualche parte ce l’ha.

Morto Vittorio De Scalzi, fondatore New Trolls: colpito da fibrosi dopo la guarigione dal Covid

Le resistenze del gruppo

E all’inizio il gruppo non era nemmeno tanto convinto. Quando Giorgio D’Adamo e Gianni Belleno composero “Quella carezza della sera” durante una tournée, nella stanza di un albergo, presentandola qualche giorno dopo al resto della band, venne giudicata troppo commerciale e lontana dalle sperimentazioni progressive che avevano fino a quel punto caratterizzato le sonorità dei New Trolls. Ma poi si fece. E la delicatissima melodia di “Quella carezza della sera”, che dicono si ispiri alla coeva “If you leave me now” dei Chicago, divenne la hit che risuona ancora oggi, in un altra epoca e su un altro pianeta. Quella languida canzone fu il singolo di maggior successo della band genovese, contenuto all’interno dell’album “Aldebaran”, pubblicato nel 1978. La stella più luminosa, appunto.

 

La canzone esplosa nell'anno di Moro

Esplosa in quell’anno durissimo che fu l'anno di Moro, dei due Papi, di conquiste civili come l’aborto e la legge anti-manicomi, dei primi casi di divorzio in Italia che paiono riecheggiare nel testo (si dice che il brano sia stato ispirato dal reale divorzio dei genitori di una ragazza genovese che ne aveva molto sofferto). Ma fu anche l’anno di Discoring, la trasmissione musicale di Gianni Boncompagni prodotta dalla Rai e in onda per 14 stagioni dal 1977 al 1989, dove trionfò “Quella carezza”. L’anno dopo i New Trolls incisero la versione spagnola dal titolo “Aquella caricia de otoño” e il successo del brano venne bissato dodici anni dopo quando a cantarla con i New Trolls fu Anna Oxa. «Continuatela a cantare a squarciagola, lui vi ascolterà», si legge sulla pagina Facebook dell’artista, nel post firmato dalla moglie Mara e dai figli Alberto e Armanda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA