Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Da Emma a Malika, frecciata al Governo: «21 giugno, festa della musica senza musica»

Emma, Malika e gli altri, frecciata al Governo: «21 giugno, festa della musica senza musica»
3 Minuti di Lettura
Sabato 13 Giugno 2020, 17:01 - Ultimo aggiornamento: 17:02

Da Malika Ayane ad Emma Marrone, il mondo della musica si muove. «21 giugno, Festa della Musica senza musica», scrive Emma Marrone sul suo profilo Instagram, postando una sua foto con un cartello tra le mani con scritto Emma Marrone, Cantante, #iolavoroconlamusica.
 

«Nella musica lavorano in tanti scrive Emma sul social - non solo i musicisti ed i cantanti. La musica fa cultura, educa, emoziona, intrattiene e, se non bastasse, produce economie importanti (il solo comparto Cultura fa il 16% del Pil), dando lavoro a decine di migliaia di persone che oggi, causa Covid-19, rischiano di restare a casa. Sappiamo che ci sono delle proposte di emendamento al DL Rilancio che ci riguardano. Chiediamo che la politica non le ignori, adoperandosi al più presto per dare finalmente dignità a tutti coloro i quali lavorano per il bene della Musica», conclude.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA