Grandi autori, criminologi e dibattiti: al via la seconda edizione di Treviso Giallo

Sabato 19 Settembre 2020
Dal 24 al 27 settembre si svolgerà la seconda edizione di “Treviso Giallo”, un festival che si caratterizza - tra le tante rassegne dedicate al genere crime - per il peculiare taglio scientifico e l’attiva collaborazione con diversi atenei universitari italiani e stranieri, grazie all’opera del Comitato scientifico, presieduto dal prof. Elvio Guagnini, Emerito dell’Università di Trieste. Tra gli scrittori presenti, Piergiorgio Pulixi, Antonella Boralevi, Gabriella Genisi, Pablo Trincia, Paolo Roversi, Piernicola Silvis, Loriano Macchiavelli, Matteo Strukul, Mariolina Venezia, Daniele Bresciani, Nicolai Lilin.
Previste tavole rotonde su specifici settori (spionaggio, mafie, misteri d’Italia, crimini ambientali, devianze, crimini nella Storia) e presentazioni di singole novità editoriali. 

Stando ai suoi promotori, l’intendo del festival è valorizzare e approfondire il genere “giallo”, attraverso un approccio teorico in grado di abbracciare unitariamente più discipline e forme di espressione artistica.

Matteo Strukul e "Le sette dinastie": «Vi racconto la lotta per il potere nel Rinascimento» 

L’edizione 2020 inaugurerà un gemellaggio culturale con la Germania. 
La delegazione tedesca sarà capitanata dal noto critico e curatore editoriale Thomas Wörtche (Suhrkamp Verlag). Treviso Giallo avrà inoltre una versione “off” a Berlino: una settimana di incontri e confronti fra autori, accademici, professionisti del cinema e dell’editoria ecc. sul genere giallo (Krimi) in tutte le sue declinazioni. 

Appuntamento quindi per la seconda edizione, a Treviso nei giorni 24, 25, 26 e 27 settembre 2020 presso il Museo Bailo e la Sala del Palazzo dei Trecento, con ampliamento del programma alla Marca Trevigiana. Saranno poi riproposte le visite guidate alla "Treviso Noir" che tanto successo hanno riscosso durante la prima edizione. 

La tavola rotonda “Il Giallo tra giornalismo investigativo e genere letterario: quando la cronaca si trasforma in spettacolo” sarà un incontro accreditato dall’Ordine dei Giornalisti del Veneto. 

Al museo Bailo, verrà allestita, a cura della casa editrice Astorina, una mostra di rilevanza nazionale dedicata a Diabolik. L’inaugurazione della mostra prevede una tavola rotonda presieduta dall’editore di Astorina, Mario Gomboli. A dicembre 2020 sarà inoltre in uscita in tutte le sale il film su Diabolik dei registi Manetti Bros. 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA