Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Matera, “mappa emozionale” della città realizzata dai visitatori

Matera, “mappa emozionale” della città realizzata dai visitatori
2 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Maggio 2018, 14:33 - Ultimo aggiornamento: 29 Maggio, 08:40

Mappe emozionali che descrivono i luoghi della memoria e i racconti dell'anima di Matera capitale europea della cultura per il 2019, disegnati e descritti finora da 370 cittadini e visitatori stranieri, di tutte le fasce di età, costituiscono il percorso reale che sarà possibile effettuare con il progetto di Atlante emozionale della Città». L'iniziativa, ideata dal Teatro dei Sassi e con la coproduzione della Fondazione Matera-Basilicata 2019, è stata illustrata oggi da Massimo Lanzetta del Teatro dei Sassi. Nelle scorse settimane è stato chiesto a cittadini e visitatori di Matera di elaborare la propria mappa emozionale, segnando su una cartina della città, e raccontando a parole, i luoghi dove sono accaduti avvenimenti personali particolarmente significativi della propria esistenza.

L'insieme delle mappe, dopo un lavoro di selezione e trasformazione artistica, comporrà la
Mappa madre emozionale e 15 luoghi da visitare in città, tra i Sassi, il Piano e i borghi. Per la primavera del 2019 sarà realizzato nella biblioteca Tommaso Stigliani il primo capitolo dell'Atlante denominato La secretissima camera de lo core. Si tratterà - hanno spiegato gli organizzatori - di un allestimento interattivo di memorie e racconti, in cui sarà possibile sperimentare una nuova modalità di visita alla città, grazie allo scambio con gli abitanti e a un percorso narrativo. Al progetto, che proseguirà anche dopo il 2019 con altre forme, contribuiscono anche lo scrittore Alessandro Baricco e la scuola Holden di Torino per la selezione dei racconti, l'artista visivo Stefano Favarelli, lo scenografo e artigiano della luce Paolo Baroni e la coreografa e danzatrice tedesca Heike Henning.

© RIPRODUZIONE RISERVATA