Il Premio Strega conferma il direttore Petrocchi e lancia gli incontri online con i finalisti

Giovedì 23 Aprile 2020
Il Premio Strega va avanti, malgrado la pandemia, con tutte le cautele necessarie. Il Consiglio di amministrazione della Fondazione Bellonci, che gestisce il riconoscimento, ha rinnovato all'unanimità la carica di direttore a Stefano Petrocchi per il triennio 2020-2022. Nella stessa seduta, da remoto, il Cda ha approvato il bilancio consuntivo dell'esercizio 2019, che ha chiuso ancora una volta in attivo e ha
approvato il programma delle attività. Mercoledì 6 maggio, alle ore 18.30, avrà luogo la premiazione della quinta edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi. Confermata la 74esima edizione Premio Strega, con la cinquina a giugno e il vincitore a luglio, anche se ancora non è stata decisa la modalità di votazione.

E per dare un segnale di incoraggiamento «in queste settimane così difficili», annuncia il presidente della Fondazione Bellonci Giovanni Solimine, il Cda si rifà «allo spirito che nel 1944 animò gli Amici che cominciarono a riunirsi la domenica pomeriggio per discutere di letteratura, in un momento che Maria Bellonci definì doloroso nel presente e incerto nel futuro: a partire da domenica prossima organizzeremo incontri in streaming con gli autori che partecipano alla 74esima edizione del premio nella speranza che questo possa
essere il nostro piccolo contributo alla rinascita».

LEGGI ANCHE>> Pennacchi: «Sto scrivendo “La strada del mare”, una sorta di “Canale Mussolini” parte terza»

A partire dal 26 aprile e per le successive quattro domeniche, i 12 candidati al Premio Strega 2020 saranno ospiti di Bper Banca al "Forum Monzani Eventi", una piattaforma che offre un'alternativa virtuale per incontrare gli autori in gara. Gli appuntamenti saranno coordinati da Stefano Petrocchi.



«La Fondazione è un ente in salute che da vari anni chiude i suoi bilanci in attivo - ha dichiarato il presidente Giovanni Solimine - grazie al sostegno di istituzioni pubbliche come Mibact, Regione Lazio, Camera di Commercio di Roma, Centro per il libro e la lettura, Biblioteche di Roma, e di aziende come Strega Alberti e Bper Banca, con cui abbiamo consolidato nel tempo un rapporto di grande fiducia. Per ottenere questa stabilità il Cda ha lavorato molto negli ultimi anni insieme al direttore Stefano Petrocchi, che abbiamo riconfermato all'unanimità».

«Le nostre attività non si sono mai fermate - ha spiegato il riconfermato direttore Stefano Petrocchi - Il nostro staff sta lavorando in modalità smart working per consentire al Premio Strega di giungere alle sue scadenze naturali, l'elezione dei finalisti a giugno e la proclamazione del vincitore ai primi di luglio, in accordo - ci
auguriamo - con una ripresa di tutto il Paese e in particolare della filiera del libro, gravemente danneggiata dall'emergenza Covid-19».

«Per decidere come svolgere gli eventi connessi alle due votazioni del Premio - spiega Petrocchi - attendiamo di capire come evolverà la situazione nelle prossime settimane. Nel frattempo stiamo realizzando iniziative sul web che consentono alla vasta giuria del premio e a tutti gli appassionati di conoscere gli autori in gara. Sperimentiamo una versione 4.0 del premio (del resto da anni i giurati trasmettono i loro voti online), sappiamo che l'amore per il libri e per la lettura può fare molto per evitare che il distanziamento sociale diventi isolamento culturale». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani