Tony Sperandeo: «Stufo di fare la parte del cattivo». Il cinema di oggi? «Non è più quello di una volta»

Lunedì 21 Ottobre 2019
Tony Sperandeo: «Stufo di fare la parte del cattivo». Il cinema di oggi? «Non è più quello di una volta»

La carriera, Antonio Albanese e i nuovi progetti. Tony Sperandeo, nome d'arte per Gaetano Sperandeo, ha deciso di guardarsi indietro e raccontare tutto degli oltre trent'anni di carriera ai microfoni di Andrea Santonastaso e Roberta Paris, in onda con I Lunatici del weekend in onda su Rai Radio 2. L'attore, vincitore del David di Donatello nel 2001 per la sua interpretazione di Gaetano Badalamenti in I cento passi, si è anche tolto qualche sassolino dalla scarpa. Parlando proprio di quel ruolo, che lo ha cementificato come uno dei protagonisti della recitazione italiana, ha detto: «Ma è possibile che la gente si ricorda di me soltanto per il cattivo? Io per la Rai, ne La Squadra, ho lavorato 7 anni facendo il sovraintendente Salvatore Sciacca, un poliziotto e non se lo ricorda nessuno. Ho fatto La Scorta dove facevo il carabiniere e non se lo ricorda nessuno.Da quando ho vinto il David di Donatello facendo Gaetano Badalamenti de I cento passi quello è diventato il cattivo per eccellenza. Questo mi dispiace, perché mi piacerebbe rappresentare cose diverse».

LEGGI ANCHE Ornella Muti si racconta, tra passato e presente: «Non ho mai desiderato essere un'attrice». I reality? «Mai»

Non essere riuscito a scrollarsi di dosso l'immagine del cattivo non è l'unico passaggio dell'intervista che fa discutere. Forti le parole che Sperandeo riserva al cinema di oggi, che non sarebbe più «quello di una volta». «Se devo essere sincero il cinema non è più quello di una volta, adesso è facile diventare sceneggiatori, registi», ha detto Sperandeo, aggiungendo che «Adesso chiunque arriva come comparsa e al secondo film fa il regista, quindi non è più credibile come prima. Se io devo fare qualcosa di serio devo essere sicuro di avere un’ottima sceneggiatura e una buona distribuzione, allora si che faccio tutto altrimenti cado nel ridicolo come tutte le altre cose. Una volta nel cinema noi superavamo l’industria americana, loro ci hanno copiati. Loro però sono rimasti una grande industria, noi no ed è un peccato perché il grande cinema l’ho abbiamo avuto noi. Questo cambiamento è dovuto al fatto che si muore e non ci sono gli eredi, non ci sono più i mattatori di una volta». Chi invece può meritarsi l'appellativo di regista nel vero senso della parola? Roberto Beningni e Giuseppe Tornatore, due tra quelli che per Sperandeo sono «gli ottimi talenti» in circolazione. 


LEGGI ANCHE I Lunatici del Weekend fanno rivivere La Corrida: torna in radio la storica trasmissione di Corrado

Grande la stima che prova per il collega Antonio Albanese, al cui fianco reciterà di nuovo in I Topi. Di lui dice «Sono felice di lavorare con Antonio Albanese che è un pazzo scatenato, un genio. Ho lavorato con tanti attori nazionali e internazionali ma lui è Antonio Albanese, un genio. Lavorare con Albanese è una pacchia». Il loro progetto, spiega, è «un film sulla mafia si ma è una presa per il culo alla mafia. Io e lui siamo due che scappano sempre che vivono nei tombini, nei cunicoli, da una vita. In questo lavoro non c’è alcun messaggio, ridi dall’inizio alla fine. È il non plus ultra dell’idiozia». 

 


LEGGI ANCHE Cortellesi e Albanese al Messaggero (Foto Gabrielli/Ag.Toiati)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La Roma di Max Pezzali: questa città è difficile, ma ci vivrei

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma