Morto Joel Schumacher, regista degli storici film di Batman: aveva 80 anni

Lunedì 22 Giugno 2020
Morto Joel Schumacher, regista degli storici film di Batman: aveva 80 anni

Il mondo del cinema è in lutto. A 80 anni è scomparso Joel Schumacher, regista di due capitoli della saga di Batman, Batman Forever e Batman & Robin. Schumacher, come riporta la rivista Variety, è scomparso questa mattina a 80 anni a New York dopo una lunga battaglia contro il cancro. Il regista è stato cresciuto nel Queens dalla madre (il padre morì quando aveva solo 4 anni), ha completato i suoi studi alla Parsons School of Design e ha cominciato la sua carriera lavorativa alla Revlon, come designer d'abbigliamento e di confezioni.

Filadelfia, spunta anche "Batman" durante la manifestazione
Ian Holm è morto, fu Bilbo del Signore degli Anelli: aveva 88 anni ed era malato di Parkinson

A Hollywood è entrato come costumista per alcune produzioni televisive e alcuni film (tra cui le pellicole di Woody Allen Il dormiglione del 1973 e Interiors del 1978). Il suo debutto cinematografico è avvenuto con The Incredible Shrinking Woman (1981) con Lily Tomlin, al quale sono seguiti una serie di film di successo. Schumacher è stato il sostituto di Tim Burton nella regia di due film ispirati al personaggio di Batman nel 1995 e nel 1997. L'ultimo, Batman & Robin ebbe una pessima accoglienza da parte dei critici e dei fan del supereroe. Schumacher è stato quindi costretto a ridimensionare i propri progetti e la Warner Bros si è vista costretta a fermare la produzione di altre pellicole sul tema. Il regista ha poi diretto due adattamenti cinematografici di altrettanti successi di John Grisham: Il cliente (1994) e Il momento di uccidere (1996). Nel 2004 ha diretto Il fantasma dell'Opera, tratto dal musical di Andrew Lloyd Webber, a cui seguono Number 23 (2007), Blood Creek (2009) e Twelve (2010). Nel 2011 ha diretto Nicolas Cage e Nicole Kidman nel thriller Trespass, apprezzato al Toronto International Film Festival. Ha diretto anche due episodi della famosissimaserie di Netflix House of Cards nel 2013. Schumacher non era particolarmente amato dai critici cinematografici, e nel 2019 ha detto a Vulture: «Il mio successo ha infastidito sempre molte persone. Forse hanno pensato che non me lo meritassi».
 

 

Ultimo aggiornamento: 23 Giugno, 07:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani