COVID

Cinema, arrivano risorse per le arene: dal Mibact 2 milioni per stagione estiva (gratis e a pagamento)

Sabato 11 Luglio 2020 di Laura Larcan
Risorse per le arene estive. Un tesoretto di 2 milioni di euro a sostegno della programmazione di cinema all'aperto. Lo ha deciso il ministero dei Beni culturali e del turismo. La quota per le sale sotto le stelle rientra nel nuovo pacchetto di risorse per le sale cinematografiche annunciato dal ministro Dario Franceschini che ha firmato il decreto da 22 milioni di euro per il ristoro dei mancati incassi da biglietteria delle sale e per sostenere la programmazione all’aperto nella stagione estiva. «Raddoppiati fondi per le sale cinema e sostegno alla ripresa nella stagione estiva», precisa il ministro.

Roma, Antitrust in campo per le arene: così il cinema America riparte il 3 luglio

Arene estive gratuite, gli organizzatori: «Distributori negano i film» Anica: «Fake news, dati sbagliati»

Cinema, l'Umbria diventa "sala all'aperto": nasce il circuito di arene tra borghi, cortili e sagre

Sul tema delle arene estive, il decreto destina 2 milioni di euro al sostegno della lor programmazione nella stagione post-Covid. « Queste risorse verranno ripartite tra i beneficiari in parti uguali, entro il limite di 10.000 euro per ciascun beneficiario. Potranno presentare domanda i gestori delle sale cinematografiche che abbiano sede legale in Italia, siano in possesso della attestazione di regolarità contributiva e programmino nella sala all’aperto almeno 40 proiezioni, gratuite o a pagamento, tra il 15 giugno e il 30 settembre 2020». Le risorse sono finalizzate a sostenere la programmazione estiva delle sale cinematografiche: più per gli esercenti che per le associazioni, viene precisato.

Roma, aprono i drive-in: da Ostia a Castel Romano, tra Checco Zalone, sdraio e gelati

Le ultime risorse complessive di 22 milioni di euro «andranno a incrementare i 20 milioni già stanziati per sostenere le sale cinematografiche, duramente colpite dalla chiusura nel periodo del lockdown e che ora conoscono una lenta ripresa», commenta Franceschini firmando il decreto che, dopo il primo stanziamento di 20 milioni con il decreto dello scorso 5 giugno, raddoppia con altri 20 milioni di euro le risorse, sempre a valere sul Fondo emergenza cinema e spettacolo, istituito con il DL Cura Italia.


  Ultimo aggiornamento: 13:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA