Lorenzo Crespi, lo sfogo dell'attore: «Sto male, mi hanno abbandonato»

Giovedì 8 Marzo 2018
21
Lorenzo Crespi choc:
È terribile lo sfogo sui social, tramite il suo profilo Instagram, di Lorenzo Crespi, che ha accusato anche Barbara D'Urso di averlo abbandonato a se stesso. «Altra nottata al gelo, Siti, giornali, chiacchierano tutti ma qui non è venuto nessuno... Non riesco a lavarmi da 5 giorni, è questa la vergogna vera... Ancora grazie per la vostra vicinanza... e un augurio speciale a tutte le donne del mondo», scrive oggi Crespi sul suo profilo, dopo che ieri aveva scritto un lungo post, corredato dalla foto di un uomo steso nel letto. 

LEGGI ANCHE: Lorenzo Crespi torna in tv dopo la malattia. «Ora voglio lavorare»


 
«Completamente truffato da una società che lavora per produzioni Rai, totale Emarginazione, abbandono, maltrattamenti - scriveva ieri - Ti fanno vivere in condizioni pietose, da giorni senza luce, senza gas, una malattia ai polmoni, totalmente congelato, abbandonato da tutti... Ultimo la d'Urso, tutti sanno come sto vivendo... Ma se non possono usarmi... Non possono aiutarmi».


Lo sfogo è durissimo contro i suoi ex colleghi: «Io morirò presto e vi chiedo di sputare in faccia a tutti quelli che minimamente in tv diranno che mi volevano bene, che mi hanno aiutato, devo dare via il cane perché non so neanche come comprare il cibo: questa è la realtà che vi nascondono tutti, 4 anni in un'associazione a spaccarmi la schiena non mi hanno neanche garantito per prendere in affitto una casa. E in quest'istante mi trovo così... Testa congelata corpo quasi paralizzato dalle nottate totali all'agghiaccio...»

Poi la speranza, ma anche la beffa: l'unico che lo sta aiutando è il segretario di Forza Nuova, Fiore. «L'unico essere umano che è intervenuto e che sta cercando di aiutarmi in tutti modi anche a farmi tornare a casa. Perché io non posso farlo mi hanno tolto tutto, vi sembrerà strano ma si chiama Roberto Fiore... E allora li capisci come stanno forse veramente le cose».‬
  Ultimo aggiornamento: 21:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA