Show delle comete con le Eta Aquaridi, figlie della cometa di Halley venerate dai Maya: da oggi fino al picco del 6 maggio. Guida alla visione

Venerdì 1 Maggio 2020
Eta Aquaridi

Uno show di meteore già venerato 2.500 anni fa dai Maya che vale il sacrificio, o il piacere, di tirare tardi oppure di puntare la sveglia alle 2 perché il passaggio delle Eta Aquaridi (η Aquaridi) è davvero magnifico, per di più con il pensiero che si tratta di frammenti della celeberrima cometa di Halley. Fino a metà maggio ogni notte va bene an che se il picco è previsto il 6 nonostante l'incombente plenilunio.

Catturate le immagini dell'asteroide che il 29 aprile passerà a 6 milioni di chilometri dalla Terra, tranquilli almeno quel giorno non accadrà niente
Otto asteroidi in arrivo: cosa dice la Nasa

Il nome di questa squadriglia luminosa deriva dall'origine dalla posizione del suo Radiante (il punto dal quale apparentemente sembrano originarsi le meteore dello sciame), vicino appunto alla η Aquarii della costellazione dell'Acquario. La sua sigla internazionale è ETA. 

Guida alle osservazioni nel mese di maggio

 Venere cede il palcoscenico da protagonista nel cielo serale per lasciare spazio all'elusivo Mercurio, normalmente difficile da vedere, che a fine mese raggiungerà le condizioni di migliore osservabilità serale dell'anno. A segnalarlo è l'Unione astrofili italiani (Uai).

Marte, Giove e Saturno continueranno ad essere ancora gli astri principali della seconda parte della notte per tutto il mese, con in particolare la coppia Giove-Saturno protagonista dei cieli del mattino.

Tra la congiunzioni, c'è da segnalare quella del 22 maggio tra Mercurio e Venere, che si incrociano sull'orizzonte occidentale, e poi da non perdere lo spettacolare crepuscolo del 24 maggio, quando il falcetto della Luna crescente sarà accompagnato da Mercurio e Venere verso l'orizzonte a Nord-Ovest.

Per le meteore gli astrofili segnalano lo sciame delle eta Aquaridi, legate ad antichi residui della cometa Halley: «Quest'anno saremo fortunati perchè, anche se sarà plenilunio il 7 maggio - spiega Paolo Volpini, della Uai - potremo osservarle favorevolmente, dato che vedremo salire sopra l'orizzonte proprio quando la Luna volgerà al tramonto, cioè dalle 2 del mattino in poi».

Scie in cielo anche questa sera: torna in diretta il treno dei satelliti Starlink che fa infuriare gli astronomi Mappa e orari
Tim Hughes, vicepresidente di SpaceX di Elon Musk, a Roma: «Pronti a partire per la Luna con i primi turisti, poi il balzo su Marte»

Per rivedere la Stazione Spaziale sopra l'Italia di sera bisognerà attendere la seconda metà del mese, mentre le processioni dei satelliti Starlink, generalmente osservabili a occhio nudo o in determinati momenti della notte, potranno essere osservate anche di giorno o se si trovano nell'ombra terrestre. Ma per farlo servirà una ricezione radio dei segnali originati da un trasmettitore lontano e riflessi verso il suolo dai satelliti stessi.

Ultimo aggiornamento: 19:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani