E. Coli, non lavarsi le mani è più rischioso che mangiare cibi crudi

E. Coli, non lavarsi le mani è più rischioso che mangiare cibi crudi
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 23 Ottobre 2019, 16:51 - Ultimo aggiornamento: 24 Ottobre, 10:35

Che lavarsi le mani sia pratica igienica buona e giusta, già lo sapevamo. Forse non eravamo a conoscenza però di quanto sia effettivamente importante. Uno studio del The Lancet Infectious Diseases indica infatti che lasciare la toilet senza essersi puliti le mani con acqua e sapone alzerebbe il rischio di contrarre l'infezione della Escherichia coli addirittura più che mangiare carne cruda, sia di pollo che di manzo.

LEGGI ANCHE Bimba di 2 anni muore dopo bagno nella piscina del resort. «Infezione da escherichia coli»




La via più breve che il batterio potenzialmente letale ha per radicarsi nei nostri corpi è quello del contatto tra il nostro cavo orale e residui fecali. Solitamente questo avviene quando non si puliscono bene le mani dopo aver visitato i servizi. «L'E.coli è la causa più diffusa di avvelenamento sanguigno, con più di 40mila casi nella sola Inghilterra», dice il professor David Livermore, autore dello studio con l'Università della East Anglia. Oltre il 10 per cento di questi casi sono causati da ceppi batterici fortemente resistenti che producono un enzima noto come ESBL (Escherichia Coli produttrici di β-lattamasi a spettro esteso). 

LEGGI ANCHE Vongole all'escherichia coli, scatta l'allarme per il batterio. «Raccolta vietata»
LEGGI ANCHE Cozze di «alta qualità» erano inquinate alla diossina: così finivano nei ristoranti di lusso


 


Questi batteri vivono normalmente nell'intestino di animali e umani in salute, e la maggior parte di questi non sono nocivi per l'uomo. Tuttavia alcuni di essi possono, al contrario, essere addirittura letali e causare intossicazione alimentare, infezioni delle vie urinarie e, nella peggior delle ipotesi, infezione sanguigne. Per lo studio sono stati estratti alcuni campioni infetti da flussi sanguigni, feci umani, reti fognarie, manzo, maiale e pollo. Ne è risultato che, sebbene il professore Livermore ricordi quanto sia importante cucinare in modo appropriato qualsiasi tipo di carne, la maggior parte delle trasmissioni avviene più per contatto con mani sporche che con cibi contaminati. 




 

© RIPRODUZIONE RISERVATA