Vaccinazioni obbligatorie per la scuola: c'è tempo fino al 10 luglio Il regolamento

Venerdì 5 Luglio 2019
1
Vaccinazioni obbligatorie per la scuola: c'è tempo fino al 10 luglio Il regolamento

Scadenza in vista per consegnare i certificati vaccinali alle scuole in vista della riapertura delle aule a settembre. Scade infatti il 10 luglio il termine ultimo fissato dalla Legge Lorenzin del 2017, in vigore, per presentare agli istituti la documentazione comprovante l'effettuazione delle vaccinazioni obbligatorie per la frequenza scolastica o la formale richiesta di vaccinazione all'Asl competente.

No-vax, protesta davanti alla Camera: «No all'obbligo, sì alle raccomandazioni»
Vaccini, obbligo fino a 14 anni: la Regione Lazio accelera sulla legge, prevista sospensione da scuola

Resta dunque la scadenza prevista dalla legge, poichè per l'anno scolastico 2019-2020 non sono previste proroghe, come invece accaduto lo scorso anno a seguito della circolare dei ministri Grillo-Bussetti. In attesa che venga approvato il nuovo provvedimento sui vaccini, all'esame in Parlamento e che prevedrebbe il cosiddetto 'obbligo vaccinale flessibilè (la vaccinazione resterebbe obbligatoria solo «in caso di emergenze sanitarie o di compromissione dell'immunità di gruppo»), resta dunque in vigore la legge Lorenzin: prevede l'obbligo della vaccinazione per le iscrizioni all'asilo nido e alla scuola materna e, con modalità diverse, riguarda anche le scuole elementari, scuole medie e i primi due anni delle superiori, fino ai 16 anni.

Di conseguenza i bambini da zero a sei anni non in regola con le vaccinazioni non possono accedere agli asili nido e alle scuole dell'infanzia; bambini e ragazzi nella fascia d'età da 6 a 16 anni potranno entrare a scuola. In entrambi i casi, se i genitori rifiuteranno ripetutamente di far vaccinare i figli dopo colloqui e solleciti da parte delle Asl, incorreranno nelle sanzioni pecuniarie previste dalla legge. Le vaccinazioni obbligatorie previste sono dieci.

Si tratta di anti-poliomielitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus influenzae tipo b, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella. Una legge, quella sull'obbligo vaccinale per la frequenza scolastica, che dalla sua prima applicazione «ha fatto registrare risultati positivi», sottolinea il direttore del Dipartimento di Malattie Infettive dell'Istituto superiore di sanità, Gianni Rezza: «Negli ultimi anni infatti - afferma - c'è stato un aumento delle coperture vaccinali in Italia grazie alla legge. L'obiettivo resta ora quello di mantenere alte le coperture e questo a prescindere dai provvedimenti legislativi che verranno varati». Secondo la Società italiana di pediatria, proprio per effetto della legge le coperture vaccinali, al novembre 2018, erano infatti aumentate dal 3 al 10% per i dieci vaccini previsti. Un'arma di prevenzione importante anche rispetto al morbillo, per la cui diffusione epidemica resta alta l'allerta anche in Italia. Nei primi 5 mesi dell'anno sono già 1.096 i casi segnalati in Italia, mentre sono stati 2.526 nel 2018 con 8 morti.

E l'immunizzazione dei bambini è fondamentale, ricorda Rezza, «anche per tutelare i piccoli che sono immunodepressi e per motivi di salute non possono invece essere vaccinati». A tal fine, conclude l'esperto, «è prioritario realizzare in tutte le regioni le anagrafi vaccinali informatizzate delle Asl, proprio per individuare eventuali casi problematici». Da parte loro, i presidi non riscontrano al momento particolari criticità: «Non ci aspettiamo problemi per la scadenza del 10 luglio per la presentazione alle scuole della documentazione sulle vaccinazioni», ha affermato il presidente dell'Associazione nazionale presidi del Lazio, Mario Rusconi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma