DIETA

Salute mentale a rischio se perdi peso con la chirurgia: i pericoli delle scorciatoie

Venerdì 27 Settembre 2019
Salute mentale a rischio se perdi peso con la chirurgia: i pericoli delle scorciatoie

I pazienti di chirurgia per la perdita di peso, o bariatrica, richiedono in numero crescente un sostegno per la salute mentale, particolarmente se richiedono successive operazioni e non rispettano la dieta collegata a queste operazioni. Uno studio australiano pubblicato su JAMA Psychiatry, condotto su circa 25.000 pazienti nell'arco di 10 anni, indica che quasi 4.000 (16%) sono ricorsi ad almeno un servizio psichiatrico prima o dopo l'operazione. Di questi, 1.550 non avevano alcuna precedente condizione psichiatrica e hanno fatto ricorso al primo servizio di salute mentale dopo l'intervento.

Dieta post parto, Jessica Simpson: «Avevo raggiunto i 108 kg, così ne ho persi 45 chili»
Tina Cipollari alla prova del peso, 84 chili: «Ne devo perdere 25, ecco come farò»

Lo specialista di terapia intensiva David Morgan, che ha guidato lo studio, si è detto sorpreso che non si siano registrati miglioramenti di salute mentale dopo la chirurgia. «Abbiamo invece rilevato un più frequente accesso a servizi di salute mentale dopo un'operazione bariatrica, rispetto agli stessi pazienti prima dell'intervento». È importante studiare la salute mentale dei pazienti di chirurgia bariatrica perché le persone obese hanno un'alta incidenza di problemi mentali, mentre si registra un alto tasso di re-interventi, uno su cinque entro cinque anni. «Ciò significa che questi pazienti o non perdono peso o subiscono complicazioni che richiedono chirurgia secondaria, il che ovviamente esercita ulteriori pressioni».

«Lo stigma che le società occidentali esercitano sui corpi più grandi è potenzialmente un fattore che contribuisce a esiti di salute mentale, con effetti duraturi sulle persone obese», aggiunge Morgan. «La maniera in cui vedono sè stessi si è probabilmente formata in molti anni di stigmatizzazione del loro peso, il che può richiedere molto tempo per recuperare». È importante che le persone riflettano sulle ragioni per cui vogliono sottoporsi a chirurgia, che comprendano che ridurre il proprio peso non cambierà necessariamente il modo in cui interagiscono con il prossimo, non migliorerà automaticamente altri aspetti della vita, il che può anche condurre a problemi di salute mentale. E se procedono con l'intervento, è importante che si assicurino di poter contare in seguito su una buona rete di supporto. «È chiaro che la chirurgia non è la risposta per tutti», conclude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma