Covid, l'attività aerobica per superare la psicopandemia

Covid, l'attività aerobica per superare la psicopandemia
di Stefano Ardito
4 Minuti di Lettura

Ansia, disturbi del sonno, alterazioni nell’appetito, depressione. Il Covid, oltre al corpo, colpisce duramente la psiche. Tra i possibili rimedi, la capacità di rilassarsi, una vita senza alcol né fumo, un’alimentazione corretta. Più di tutto, però, fa bene lo sport. Se durante il lockdown dell’anno scorso le persone avessero potuto mantenere il livello di attività motoria dei mesi precedenti, si sarebbe potuto evitare il 21% dei casi gravi di ansia e depressione. Sono queste le conclusioni di “Io conto 2020”, una ricerca condotta su 1.215 tra studenti e dipendenti delle Università di Pisa, Firenze, Torino, Genova e Messina, realizzata in collaborazione con la Fondazione Santa Lucia Irccs di Roma, e pubblicata sulla rivista scientifica “Plos One”. Nel presentare il lavoro gli autori (Giorgia Cona, Alberto Costa, Eleonora Fiorenzato e Silvia Zabberoni) hanno usato un termine nuovo e inquietante, psico-pandemia. «Al centro dell’indagine è il modo in cui la pandemia da Covid-19 ha influito sul funzionamento della mente. Tra le persone che abbiamo interpellato, durante il lockdown, il 36% ha sofferto di ansia e il 32% di depressione» spiega Giorgia Cona, psicologa dell’Università di Padova e del Padua Neuroscience Center, coordinatrice della ricerca.

Vitamina D, dall'assorbimento del fosforo alla compattezza delle osse. Ma non è una panacea. Vero o falso?

Stop alla sindrome di primavera: a tavola erbe amare ricche di antiossidanti

I CASI

 Il disagio psicologico, spiegano i risultati di “Io conto 2020”, ha colpito soprattutto le donne, gli uomini fino ai 45 anni, i disoccupati e i lavoratori precari. La sofferenza è stata maggiore nelle aree colpite più duramente dal virus. Chi durante il lockdown ha interrotto la pratica sportiva ha sofferto più degli altri. Il primo lockdown nazionale, da marzo a maggio del 2020, ha avuto un impatto significativo sul funzionamento cognitivo percepito, oltre che sul benessere psicologico di una percentuale importante degli italiani, spiega “lo conto 2020”. Le nuove limitazioni imposte tra il 2020 e il 2021, con l’alternarsi di zone gialle, arancioni e rosse, sono successive allo studio. «Credo però che abbiano un effetto simile. Le nuove regole sono un po’ meno dure, ma nell’ultimo anno la stanchezza e lo stress si sono accumulati» prosegue la professoressa Cona.

I SINTOMI

 Per chi soffre di ansia, il primo passo è riconoscere il suo male. I sintomi più evidenti sono l’irrequietezza, l’insonnia, i pensieri negativi ricorrenti. Non mancano tachicardia, dermatiti e gastriti e altri malanni del corpo. Una volta riconosciuta, l’ansia dev’essere tenuta sotto controllo. «Quando si capisce che si soffre d’ansia bisogna chiedere aiuto, e ricorrere alla psicoterapia» spiega Cona. «Poi bisogna intervenire sul respiro e sulla frequenza cardiaca, avere uno stile di vita e un’alimentazione sani, evitare i pensieri catastrofici. Va ridotto il tempo dedicato a informarsi sul Covid». Anche l’attività fisica fa bene alla mente e al corpo. Ognuno può scegliere lo sport che preferisce, perché in tutti coesistono lo sforzo fisico e il divertimento. L’attività aerobica, però, è più utile per il nostro cervello. Secondo gli autori, i risultati di “Io conto 2020” potrebbero essere utilizzati dalle autorità sanitarie. «Se le misure restrittive per contrastare l’epidemia dovessero essere inasprite, bisogna considerare nelle decisioni le esigenze dei gruppi più vulnerabili». Riguardo al rapporto tra la psiche e lo sport, lo studio conferma una cosa nota da tempo. «Chi si occupa di neuropsicologia dell’invecchiamento sa che l’attività fisica è il fattore più importante per prevenire il declino cognitivo» conclude Cona. «Per questo va praticata soprattutto quando si arriva ai 60 anni, e la terza età si avvicina». 

Giovedì 8 Aprile 2021, 06:00 - Ultimo aggiornamento: 12 Maggio, 14:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA